Quantcast

Filtro olio motore: ecco ogni quanto bisogna sostituirlo

Generica

Quando si parla del filtro olio motore, si fa riferimento a una componente decisamente importante per il buon funzionamento della propria vettura. Spesso e volentieri si tende a considerare l’olio motore, ma viene poche volte nominato il suo filtro. Non sempre, infatti, si riconosce come il fatto di avere un lubrificante di qualità sia parimenti importante rispetto ad un filtro olio motore di elevata qualità.

Ed ecco che viene subito in mente un primo aspetto fondamentale, ovvero ogni quanto deve essere cambiato questo specifico filtro. Capita spesso e volentieri che gli automobilisti non seguano proprio alla lettera quanto previsto dal libretto di costruzione della propria vettura in riferimento alla sostituzione di tale filtro e, di conseguenza, può succedere che insorgano vari malfunzionamenti.

Prima di approfondire la frequenza con cui va cambiato, bisogna sottolineare come, al giorno d’oggi, ci sia uno strumento in più per individuare i ricambi più convenienti, ovvero il web. Ci sono portali, infatti, che offrono la possibilità di individuare in tempi rapidi e con un ottimo rapporto tra qualità e prezzo, il filtro olio motore migliore per le proprie necessità.

Le varie tipologie di filtro olio motore

La funzione principale che caratterizza questo particolare filtro è sicuramente quella di bloccare e trattenere tutti i vari detriti carboniosi che sono legati alla combustione e che terminano la loro corsa all’interno del lubrificante. Stesso discorso per le particelle microscopiche metalliche che sono il risultato dell’usura delle varie componenti meccaniche.

Il filtro olio metallico è senz’altro la tipologia più semplice da individuare in confronto alla versione a cartuccia e rispetto anche a quella a immersione. Il filtro olio a cartuccia, invece, si caratterizza per essere compreso all’interno di appositi contenitori in plastica coperti da specifiche protezioni. Di conseguenza, anche chi volesse provvedere in modo autonomo alla sostituzione del filtro olio motore, incontrerebbe sicuramente più di qualche problematica. È importante, se vi avventurate in una simile operazioni, avere conoscenze complete e precise di come funzionino i vari filtri olio all’interno, ma anche di come siano realizzati, in maniera tale da procedere con una sostituzione veramente impeccabile.

Non mancano, ovviamente, soluzioni sempre più rispettose dell’ambiente, come la Mobil Boxx, che manda l’olio motore direttamente in scatola: si tratta di un’innovativa e molto più sostenibile soluzione che è già stata testata con esiti particolarmente positivi sia sul mercato inglese che su quello tedesco ed è stata lanciata in Italia dallo scorso anno.

Quando cambiare il filtro olio motore

Il consiglio migliore da seguire è quello di cambiare il filtro olio motore solamente alle scadenze che vengono indicate anche da parte dello stesso costruttore. Quindi, è sempre meglio rispettare una tempistica approssimativa, che gli esperti associano a circa ogni 15-20 mila chilometri.

Più in generale, la buona prassi indica come sia meglio cambiarlo almeno una volta all’anno, anche perché in questo modo si evitano potenziali malfunzionamenti del motore con il passare del tempo. La spesa legata alla sostituzione del filtro olio motore, di solito non incide poi in maniera così ragguardevole sul costo del complesso di operazioni di manutenzione da svolgere sulla propria auto.

È molto facile cambiare l’olio motore da soli, ma puoi anche sempre contattare un professionista. La procedura non richiede molto tempo e non è costosa. Passaggi di base:

  • Prima di scaricare l’olio, avviare l’auto e lasciare il motore acceso per 1-2 minuti per consentire all’olio di scaldarsi un po ‘: in questo modo sarà più facile scaricarlo. È necessario eseguire la sostituzione in un luogo adatto a questo. È molto importante che il veicolo sia parcheggiato su una superficie piana e stabile.
  • Si consiglia di rimuovere il tappo di riempimento dell’olio per facilitare lo scarico dell’olio dal motore in un secondo momento.
  • Individua il tappo di scarico, che di solito si trova nella parte inferiore della coppa dell’olio motore. Posizionare un contenitore per l’olio usato sotto il tappo di scarico. Allentare la spina con una chiave a tubo ruotandola in senso antiorario. Quindi rimuovere con attenzione il tappo e far defluire l’olio.
  • Procedere con cautela poiché l’olio motore potrebbe essere caldo.
  • Quindi, con il tappo di riempimento dell’olio rimosso, versare l’olio nel motore attraverso di esso. Utilizzare un imbuto per evitare fuoriuscite di petrolio. Avviare il motore e lasciarlo funzionare per circa un minuto per far circolare l’olio.

 

Fonte delle informazioni dal sito euautopezzi.it, ansa.it

 

di
Pubblicato il 17 Settembre 2020

Segnala Errore