Quantcast

Covid, con questi ritmi per vaccinare tutti i piemontesi servirebbero 5 anni

Lo dice uno studio del Pse Lab del Politecnico di Milano diffuso da Open: per il 100% nella nostra regione servono 4 anni e 360 giorni, ma per l'immunità di gregge (67%) "bastano" 2 anni e mezzo

vaccino

Quasi cinque anni. Se la campagna vaccinale anti-Covid dovesse procedere ai ritmi registrati in questi giorni, per raggiungere tutti i cittadini piemontesi bisognerebbe aspettare almeno l’inizio del 2026. Servirebbero infatti 4 anni e 360 giorni, per arrivare al 100% di copertura.

Un’attesa che si dimezzerebbe però se si puntasse alla cosiddetta “immunità di gregge”: in questo caso, per il 67% delle persone, basterebbero 2 anni e 179 giorni. Lo rivela lo studio del Pse Lab del Politecnico di Milano diffuso da Open.

A livello nazionale, la maglia nera sarebbe quella della Calabria, che impiegherebbe 8 anni e 299 giorni per centrare il traguardo del 100%. Un’attesa che – anche per la regione meridionale – scenderebbe a 4 anni e 149 giorni per l’obiettivo del 67% di copertura necessaria all’immunità di gregge.

A livello di classifiche, la prima della classe sarebbe l’Emilia Romagna, cui sarebbe sufficiente un anno e 266 giorni per raggiungere l’immunità di gregge e 3 anni e 167 giorni per vaccinare l’intera popolazione. La media italiana sarebbe di 5 anni e 41 giorni per la copertura totale e 2 anni e 202 giorni per l’immunità di gregge.

Sta decisamente peggio di noi la Lombardia, cui servirebbero 6 anni e 283 giorni per il 100% di copertura e 3 anni e 141 giorni per il 67%. Mentre per la Liguria servirebbero 4 anni e 315 giorni per la totalità e 2 anni e 157 giorni per l’immunità di gregge.

Ma lo scenario è ancora piuttosto fluido, tra sfide logistiche, dosi di vaccino in ingresso e nuove tipologie di farmaco che si stanno progressivamente affacciando ai confini italiani.

di info@ossolanews.it
Pubblicato il 14 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore