/ Cronaca

Cronaca | 21 gennaio 2023, 12:00

Provvedimento di espulsione per un cittadino del Marocco

Al 60enne, in Italia da molti anni e con diversi precedenti, non è stato rinnovato il permesso di soggiorno

Provvedimento di espulsione per un cittadino del Marocco

L'Ufficio Immigrazione della Questura del VCO ha eseguito un provvedimento di espulsione con accompagnamento immediato alla frontiera di un cittadino del Marocco di circa sessant'anni.

L'uomo, in Italia da molti anni, si è reso responsabile, nel corso del tempo, di vari episodi delittuosi, venendo condannato con sentenza definitiva per furto, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. È stato altresì destinatario di provvedimenti per guida in stato di ebrezza.

Tra le altre vicende che lo hanno interessato, era stato arrestato perchè colpito da una ordinanza di custodia cautelare in carcere insieme ad altre 11 persone ed altre 9 ai domiciliari, nell'ambito della indagine per spaccio di sostanze stupefacenti denominata "Pepe Amaro" con riferimento al nome dì uno dei bar poi chiusi con provvedimento del Questore, teatro dell'attività di spaccio. L'indagine aveva smantellato una organizzazione che controllava lo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona di Pallanza.

Il Questore del VCO gli ha rigettato l'istanza di rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di lavoro autonomo in quanto persona socialmente pericolosa. Lo stesso si è trattenuto da clandestino sul territorio nazionale violando le leggi sull'immigrazione. Per questo motivo nel 2020 e nel 2021 era stato destinatario di un provvedimento di espulsione del Prefetto del VCO con ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale entro 7 giorni a cui non ha né ottemperato né fatto ricorso.

Ieri pomeriggio, a seguito della convalida del Giudice di Pace del provvedimento di espulsione e dell'accompagnamento coattivo in frontiera, è stato possibile rimpatriarlo nel suo paese di origine, scortato dalla Polizia, con un volo in partenza dall'Aeroporto di Malpensa.


C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore