/ Attualità

Attualità | 10 luglio 2024, 12:00

Bonifica ex parcheggio di via Raffaello Sanzio: tra le macerie spunta l’amianto

L’area recentemente acquistata all’asta versava da anni in uno stato di degrado

Bonifica ex parcheggio di via Raffaello Sanzio: tra le macerie spunta l’amianto

Con un intervento economico di 70mila euro, l’ex amministrazione Marchionini ha predisposto e fatto eseguire la pulizia dell’ex parcheggio di via Raffaello Sanzio, a Pallanza (nella foto). Il sito, acquistato di recente all’asta, e dismesso ormai da diversi anni a seguito del crac Palese e versava in condizioni di profondo degrado, necessitando di misure urgenti. Il comune ha così previsto un primo intervento che ha compreso la pulizia dell’area con il taglio del verde infestante e il trasferimento in discarica dei rifiuti stoccati irregolarmente, ma anche la realizzazione di una nuova recinzione utile, soprattutto, a tenere lontani i teppisti e tossicodipendenti.

Nelle scorse settimane, va ricordato, era addirittura stato trovato il cadavere di un uomo morto per droga. Il rudere dell’ex parcheggio (mai diventato tale per la verità) che sorge ai piedi della prefettura del Vco, è stato comprato dal comune di Verbania per 400mila euro e, almeno nelle intenzioni ma se ne riparlerà comunque nei prossimi anni e spetterà al neo sindaco Albertella, dovrebbe diventare area di sosta a servizio del giardino botanico di Villa Taranto. La zona è strategica e vicina a tutta una serie di servizi. Tra le macerie che sono state portate via in questi mesi, così è emerso in questi giorni, sono spuntati anche detriti contenenti amianto. È stato dato mandato a una società specializzata di effettuare le analisi e, accertata la presenza di amianto, ora è stata disposta la bonifica, con uno stanziamento extra.

Alessandro Garavaldi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore