ELEZIONI REGIONALI
 / Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 08 aprile 2024, 19:00

La Svizzera punta su Domo 2 e investe 38,8 milioni di franchi

Per rafforzare il traffico merci costruirà un impianto di trasbordo combinato nello scalo ossolano

La Svizzera punta su Domo 2 e investe 38,8 milioni di franchi

La Confederazione intende rafforzare ulteriormente il traffico merci attraverso le Alpi. L’Ufficio federale dei trasporti (UFT) partecipa con un contributo di 38,8 milioni di franchi alla costruzione di un impianto di trasbordo destinato per il traffico combinato a Domodossola, che permette di valorizzare l’asse del Lötschberg–Sempione. In futuro sarà possibile trasbordare su rotaia circa 185 000 invii di autocarri caricabili e non caricabili con gru all’anno.

Lo rende noto un comunicato dell’Ufficio Federale dei Trasporti che rimarca come ‘’impianti di trasbordo per il traffico combinato performanti sono imprescindibili per la politica svizzera di trasferimento del traffico. Per poter trasbordare dalla strada alla rotaia container e semirimorchi nel traffico combinato sono necessari, a sud e a nord della Svizzera, impianti di trasbordo adeguati e dotati di sufficienti capacità. In virtù dell’articolo 8 della legge sul trasporto di merci la Confederazione può erogare contributi d’investimento per la realizzazione di simili terminali anche all’estero. In passato, ha contribuito ad esempio al finanziamento di terminali in Italia (Gallarate, Piacenza, Milano-Smistamento), Germania (Duisburg, Singen) e Belgio (Anversa). Nel 2022, nei terminali esteri cofinanziati dalla Confederazione sono stati trasbordati 1,05 milioni di container merci’’.

A Domo 2 sta dunque per essere costruito un impianto di trasbordo composto da due binari doppi lunghi 700 metri ciascuno. Da un lato sarà possibile trasbordare i container, dall’altro saranno disponibili 24 moduli per effettuare in particolare il trasbordo di semirimorchi. Inoltre, grazie al sistema di carico orizzontale previsto, potranno essere caricati in modo efficiente anche i semirimorchi non caricabili con gru, ampiamente utilizzati in Europa. Nel terminale sarà in futuro possibile trasbordare 185 000 invii di autocarri all’anno, il che rafforzerà il traffico merci transalpino su rotaia sull’asse Lötschberg–Sempione.

''Il gestore dell’impianto - dice UFT - è una società affiliata della CargoBeamer AG, che ha la sua sede centrale a Lipsia. I costi complessivi ammontano a 67,1 milioni di franchi. La Confederazione contribuisce con 38,8 milioni di franchi. Se non viene raggiunta una quantità minima definita di trasbordi, CargoBeamer AG dovrà effettuare dei rimborsi''.  

Renato Balducci

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore