/ Attualità

Attualità | 24 febbraio 2024, 12:00

Fondi regionali per i comuni: Gravellona al lavoro per ampliare la sede della Croce Verde

Il sindaco Gianni Morandi: "Un'occasione da cogliere al volo, siamo tra i comuni più penalizzati del Vco"

Fondi regionali per i comuni: Gravellona al lavoro per ampliare la sede della Croce Verde

Circa 9 milioni di euro di fondi per i comuni dalla Regione per sviluppare progetti importanti. Una notizia che è stata colta con favore a Gravellona Toce, dove si lavora per realizzare alcune opere. "La notizia della disponibilità di importanti risorse straordinarie per comuni come il nostro - spiega il sindaco Gianni Morandi - è certamente un’occasione da cogliere al volo, visto che siamo tra i comuni più penalizzati a causa di una serie di fattori di criticità anche rispetto a molti altri comuni della nostra provincia. Mi riferisco ad esempio ai ristorni dei frontalieri, che riguardano 54 comuni, mentre noi siamo fra quelli assurdamente esclusi, oppure alla tassa di soggiorno che non abbiamo e comunque per noi sarebbe molto poco redditizia, oppure ai posteggi a pagamento che da noi sono veramente trascurabili, per non dire dell’impietoso confronto con la città capoluogo con noi confinante che riceve risorse incredibili proprio in quanto capoluogo e per la sua dimensione, ad esempio il fondo per la rigenerazione urbana che era riservato ai comuni sopra i 15.000 abitanti e che ha generato per Verbania circa 20 milioni di euro e ovviamente a noi zero”.

“Credo che la modalità con la quale potremo cercare di accedere al budget di circa 9 milioni di euro complessivi – prosegue il primo cittadino - verrà presentata prossimamente dalla Regione e mi auguro che consenta di distribuire in modo virtuoso questo piccolo tesoretto. Noi abbiamo diversi progetti che sarebbe importante portare avanti, ma credo che per poter sperare di venirne vedere finanziato almeno uno dobbiamo fare una scelta che contempli una visione che va oltre i nostri confini territoriali e per questo abbiamo pensato di proporre un progetto di ristrutturazione e ampliamento della sede gravellonese della Pubblica Assistenza Croce Verde”.

“Questa importante realtà – spiega Morandi - che impegna numerosi dipendenti e numerosi volontari è anche sede di partenza dell’auto medica del 118 che presta servizio praticamente in tutta la provincia oltre a tutti gli altri servizi tipici delle pubbliche assistenze che comprende sia le emergenze sia tutti i trasporti programmati. Il nostro Comune ha appena acquistato, ovviamente a proprie spese, un appezzamento di terreno adiacente all’attuale sede, proprio in ottica di ampliamento della sede che necessita di nuovi ricoveri per le ambulanze, di nuovi spazi per personale medico e infermieristico e di nuovi spazi adeguati per l’amministrazione e la formazione propedeutici all’attività dei volontari. Sono già pronte alcune tavole di progetto e un computo metrico dei lavori che generano un quadro economico che si assesta sotto ai 500.000 euro, che sarebbe coerente agli importi indicati per le taglie dei progetti presentabili. Pensiamo che sarebbe un bel modo di investire i fondi per la coesione proprio perché il servizio si spalma su tutto il territorio e non solo su Gravellona. Naturalmente, se le risorse disponibili fossero di più avremmo pronti altri progetti. Ad esempio, per il collegamento ciclabile che dalla rete delle piste ciclabili che risalgono lungo il Toce verso l’Ossola, avremmo pronto il progetto per unire due tratti già esistenti che di diramano verso il Cusio e già inseriti nella rete regionale ciclabile ma mancanti del passaggio strategico sotto il ponte sullo Strona. Confidiamo nella possibilità di poter realizzare questi interventi a tutto vantaggio della popolazione del Vco”, conclude Morandi.

Daniele Piovera

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore