/ Attualità

Attualità | 11 febbraio 2024, 19:00

Niente targa alla memoria di Norma Cossetto ad Omegna. Critiche da Fratelli d'Italia

"Ancora una volta la sinistra tende a ignorare o a mettere in secondo i crimini dei partigiani comunisti a danno di civili innocenti"

Niente targa alla memoria di Norma Cossetto ad Omegna. Critiche da Fratelli d'Italia

In occasione del Giorno del Ricordo, anche quest'anno la sezione di Fratelli d'Italia Omegna Cusio si è recata sulla passeggiata Martiri delle Foibe di Omegna per onorare la memoria di Norma Cossetto e delle migliaia di italiani che hanno perso la vita per mano dei partigiani comunisti del Maresciallo Tito.

"Era nostra intenzione - le parole della segretaria cusiana Fabrizia Maggiola e del capogruppo Mattia Corbetta- onorare con un gesto concreto questa tragedia, motivo per cui abbiamo presentato insieme ai colleghi di opposizione, la richiesta di posizionare anche ad Omegna una targa in memoria di Norma Cossetto, testimone, martire e simbolo della tragedia delle Foibe e delle violenze perpetrate ai danni dei nostri connazionali in Istria, Fiume e Dalmazia durante e dopo la seconda guerra mondiale". 

Nella seduta dello scorso 31 gennaio, l Consiglio Comunale ha respinto la proposta. "La maggioranza omegnese rifiuta quindi di rendere omaggio a una grande italiana, insignita della Medaglia d'Oro al Merito Civile dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Vergognose sono state le parole di Mimma Moscatiello, che ha liquidato la proposta dei gruppi di centrodestra come mera provocazione ideologica "di chi pensa di riscrivere la storia per riabilitare i nazisti e i fascisti". Ancora una volta la sinistra tende a ignorare o a mettere in secondo i crimini dei partigiani comunisti a danno di civili innocenti, ponendo l'attenzione solo su quelli operati dai nazifascisti (che nessuno di noi ha mai pensato di minimizzare o negare!). Fino a quando a sinistra esisteranno personaggi come Moscatiello che, invece di affrontare in modo onesto e obiettivo la complessità del periodo più buio della storia d'Italia preferiscono fare mera propaganda di parte, il nostro Paese continuerà a essere segnato da profonde divisioni".

Dai rappresentanti di Fdi anche la citazione del presidente della Repubblica "Un muro di silenzio e di oblio - un misto di imbarazzo, di opportunismo politico e talvolta di grave superficialità - si formò intorno alle terribili sofferenze di migliaia di italiani, massacrati nelle foibe".

"Confidiamo che queste parole, pronunciate dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione delle celebrazioni del Giorno del Ricordo siano d'esempio a chi continua a negare un'immane tragedia. Un ringraziamento va invece al consigliere Mario Cavigioli di Omegna sul Serio che, a titolo personale, ha scelto di sostenere la proposta con il voto a favore.Nonostante la bocciatura dell'ordine del giorno, Fratelli d'Italia continuerà a tener vivo nella memoria degli italiani il ricordo di Norma Cossetto e dei tanti connazionali gettati nelle Foibe".

Daniele Piovera

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore