ELEZIONI REGIONALI
 / Cronaca

Cronaca | 25 maggio 2023, 12:50

Telefonata da un falso impiegato della banca: truffa ai danni di un omegnese

Vittima un cinquantenne che si è ritrovato il conto corrente in parte svuotato. Denunciato dalla polizia un uomo residente in Umbria

Telefonata da un falso impiegato della banca: truffa ai danni di un omegnese

Un contatto telefonico con un operatore bancario che spiega la necessità di fare delle operazioni sul conto corrente e la sorpresa, dopo breve tempo, di ritrovarsi il conto corrente in parte svuotato. È quello che è successo ad un cinquantenne di Omegna che nei mesi scorsi si è recato presso il Commissariato di Omegna per denunciare di essere stato vittima di una truffa.

L’uomo, titolare di un conto corrente, ha raccontato di essere stato contattato telefonicamente da una persona qualificatasi come dipendente dell’istituto di credito presso cui era correntista, la quale segnalava l’effettuazione di un’operazione di anomala. A tal proposito, era necessario procedere ad una serie di operazioni per poter bloccare la transazione. L’omegnese acconsentiva all’operazione convinto di essere effettivamente al telefono con un operatore della sua banca. 

Effettuava, quindi, le operazioni che gli venivano indicate: inserimento della password, del codice OTP, accesso al servizio di home banking ed inserimento di codici di sicurezza del conto corrente e dei numeri di due carte di credito. A quel punto, in accordo con l’operatore, attendeva di essere richiamato per sincerarsi sull’effettivo blocco della transazione sospetta.

Poco dopo, non avendo ricevuto alcuna chiamata, controllava il proprio conto corrente e constatava di aver effettuato plurimi versamenti sulle carte di credito indicate, per una somma vicina ai cinquemila euro.

Gli Agenti del Commissariato di Omegna a seguito di complesse attività informatiche, giungevano all’identificazione di un cittadino italiano, classe 98, residente in Umbria, il quale veniva deferito all’AG per il reato di truffa.

La Polizia invita tutti gli utenti a diffidare delle telefonate provenienti da sedicenti impiegati di istituti bancari che, con la pretesa di effettuare controlli su movimenti anomali, chiedono di effettuare una serie di operazioni sul vostro conto corrente attraverso le piattaforme home banking. Nel dubbio, contattate direttamente la vostra filiale oppure andateci personalmente.

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore