/ Attualità

Attualità | 26 luglio 2022, 19:40

Alberto Soressi, una vita dedicata alle sue due grandi passioni, la scuola e la politica

Dalle scuole dove ha ricoperto incarichi di direzione, fino alla politica omegnese, con il Pci, con i Ds per poi guidare alla vittoria il Partito Democratico e tutta la sua coalizione

Alberto Soressi, una vita dedicata alle sue due grandi passioni, la scuola e la politica

Educato, pacato, schietto, sincero. "Io ascolto tutti, poi però sono capace di decidere da solo". Questa frase, pronunciata da Alberto Soressi subito dopo la vittoria elettorale quando gli si chiedeva conto della futura giunta e degli eventuali compromessi o diktat, racchiude perfettamente l'uomo.

65 anni, un primo matrimonio da cui erano nati i figli Federico ed Elena, un secondo con l'attuale moglie Giuseppina, Soressi aveva due grandi passioni: la scuola e la politica. Laureatosi in Scienze Agrarie nel 1982,  dopo il militare,  aveva subito cominciato  a lavorare nella scuola, prima come insegnante e poi come dirigente: il primo incarico  presso l’Istituto Agrario Fobelli di Crodo, dove aveva ricoperto il ruolo di Direttore della sede, il secondo a  Novara, con numerosi ruoli nella sfera progettuale, dalla costruzione della Rete regionale delle scuole agrarie all’attivazione dei corsi di Istruzione Tecnica Superiore. Negli ultimi dieci anni aveva assunto l'incarico di dirigente scolastico presso  l’Istituto Comprensivo “F.M.Beltrami" di Omegna.

Sempre a Omegna, oltre all’attività professionale, già da ragazzo ha vissuto le sue esperienze di attività sociale e politica, ricoprendo l’incarico di Consigliere comunale per 10 anni, dal 1980 e rivestendo il ruolo di Segretario cittadino del PCI negli anni 80 e dei DS dal 2004 sino al loro scioglimento. Poi l'ultima avventura, vittoriosa, da candidato del centrosinistra.

Alla famiglia giungano le condoglianze di tutta la nostra redazione.

Daniele Piovera

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore