/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 20 febbraio 2021, 14:49

Striscione di CasaPound esposto alla stazione sciistica del Mottarone

È comparso oggi in molte località sciistiche italiane per protestare contro la chiusura improvvisa degli impianti decisa dal ministro Speranza

Striscione di CasaPound esposto alla stazione sciistica del Mottarone

"Non Speranza ma fatti, salviamo la montagna". È questo il testo degli striscioni srotolati dai militanti di CasaPound Italia nelle maggiori località sciistiche italiane per protestare contro la chiusura improvvisa degli impianti decisa dal ministro Speranza. Lo striscione ha fatto la sua comparsa anche nel Vco, è stato esposto sul Mottarone.

"La nostra solidarietà -spiega Cpi in una nota- va al settore sportivo alberghiero dei comprensori sciistici di tutta Italia, beffati da un ordine di non apertura arrivato fuori tempo massimo, quando ormai le attività avevano già avviato la macchina organizzativa. È pazzesco -continua la nota- che un'ordinanza così importante arrivi in zona Cesarini con appena 12 ore di preavviso, siamo vicini ai gestori delle attività vessate ed esprimiamo tutta la nostra solidarietà fattiva. Con questa non apertura - conclude la nota di CasaPound - un ministro della sanità totalmente inidoneo come Speranza da la ammazzata finale al settore turistico alpino, stroncando sul nascere la possibilità di tamponare le perdite di un'annata già di per sé terribile. Eppure al Ministero del Turismo siede Massimo Garavaglia della Lega, la cui voce non è pervenuta quasi fosse alla guida di un Ministero inesistente".

C.S.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore