/ Sanità

Sanità | 13 marzo 2024, 08:35

Lotta ai tumori: la Regione vuole aumentare le forze in campo per gli esami a mammella e ovaie

L'annuncio dell'assessore alla Sanità rispondendo alla presidente di Luv Silvana Accossato dopo aver ricevuto segnalazioni sull'allungamento dei tempi tra un controllo e l'altro

Lotta ai tumori: la Regione vuole aumentare le forze in campo per gli esami a mammella e ovaie

La Regione Piemonte è stata la prima in Italia a strutturare percorsi per i tumori ereditari. “Nel 2019 la Giunta Chiamparino infatti definì un codice d’esenzione (D99) per questa categoria di persone”, spiega Silvana Accossato (LuV) che in data odierna ha presentato un’interrogazione urgente a seguito di diverse segnalazioni di ritardi nell’eseguire questi particolari controlli preventivi.

Attualmente sono solo 3 le strutture nel torinese abilitate a fornire questo servizio: Città della Salute, Ospedale Mauriziano e IRCCS di Candiolo. “I pazienti, quindi, rischiano di non poter effettuare l’esame nei tempi stabiliti”, spiega la Presidente di LUV in Consiglio Regionale.

In Italia escludendo i carcinomi della cute non melanomi, il cancro della mammella è il tumore più frequentemente diagnosticato nelle donne, in percentuale diversa a seconda dell’età. Nell’anno 2020 sono state stimate quasi 55.000 nuove diagnosi di tumore al seno, che rappresentano circa il 30,3% di tutti i tumori femminili. Si attendono invece circa 5.200 nuove diagnosi di tumore ovarico, il quale rappresenta il 3% tutti i tumori femminili (il decimo).

Quindi appare ancora più importante l’opera di prevenzione previste dal protocollo”, spiega Silvana Accossato “e non possiamo non accogliere con favore la disponibilità dell’Assessorato alla Sanità di implementare le strutture abilitate ad offrire tale servizio, nella speranza che si faccia prima possibile per accorciare le tempistiche di attesa fin da subito”.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore