/ Cronaca

Cronaca | 17 gennaio 2024, 14:00

Primo giorno del processo per la tragedia del Mottarone. Leitner annuncia di aver risarcito i famigliari delle 14 vittime FOTO E VIDEO

Si torna in aula il prossimo 27 febbraio

Primo giorno del processo per la tragedia del Mottarone. Leitner annuncia di aver risarcito i famigliari delle 14 vittime FOTO E VIDEO

A Fondotoce si è conclusa intorno a mezzogiorno la prima delle sessioni dell'udienza preliminare per la tragedia della funivia del Mottarone. Sono 11 le richieste di costituzione di parte civile: 6 di questi si sono costituiti contro tutti gli imputati, mentre altri 5 non contro Leitner.

L'udienza è stata sospesa e riprenderà il 27 febbraio. Successive udienze con cadenza quindicinale sono giá convocate fino a giugno.  L'udienza è durata poco più di due ore. Oltre ai familiari delle 14 vittime (sono complessivamente 76 le posizioni in gioco) hanno depositato la propria richiesta di costituzione il Comune di Stresa, che era presente con la sindaca Marcella Severino, la Regione Piemonte, rappresentata dall'avvocato Alessandro Mattioda, e l'Associazione Nazionale Mutilati e invalidi del lavoro.
Il punto focale dell' udienza di oggi è stata la comunicazione da parte dei legali della Leitner "dell’intervenuto accordo di natura risarcitoria" tra Leitner e, come ha confermato l'avvocato Federico Cecconi, "tutti i familiari delle 14 vittime della tragedia del Mottarone".
 Come specifica l'azienda altoatesina in una nota ufficiale, "l’ammontare complessivo dell’accordo con le parti - sul cui importo i familiari hanno chiesto la riservatezza - è comunque estremamente rilevante e superiore a quanto già ottenuto dagli stessi in via assicurativa".

L'avvocato Cecconi ha ribadito che la sola posizione ancora aperta, essendo in corso le procedure relative alla tutela del minore, è quella dell’unico sopravvissuto, il piccolo Eitan Biran. "Leitner - ha aggiunto - confida però di definire in tempi rapidi anche quest'ultimo profilo" . La società di Vipiteno sottolinea anche che "vista l’inadeguata copertura assicurativa della società di gestione dell’impianto, Leitner ha spontaneamente messo a disposizione dei familiari delle vittime queste rilevantissime somme, prima ancora di poter far valere nel processo non solo la propria completa estraneità ai fatti ma la propria posizione di parte essa stessa lesa dall’evento. Un concreto gesto di solidarietà e vicinanza verso chi è stato colpito così duramente da una vicenda assurda, che ha spezzato vite innocenti e distrutto famiglie intere". 

 

 

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore