/ Economia

Economia | 20 giugno 2023, 08:03

Via libera al Fondo per la montagna da 10,7 milioni

L'assessore Fabio Carosso ha elencato ai commissari alcuni tra i principali criteri di premialità per la ripartizione

Via libera al Fondo per la montagna da 10,7 milioni

La Commissione Agricoltura e Montagna, presidente Claudio Leone, ha votato a maggioranza tre pareri favorevoli: si tratta di due delibere e un regolamento. 
Il primo provvedimento si intitola "Approvazione del riparto del Fondo regionale per la montagna per l’anno 2023": a illustrarlo è intervenuto l'assessore Fabio Carosso, che ha elencato ai commissari alcuni tra i principali criteri di premialità per la ripartizione dei 10milioni e 700 mila euro del fondo: dotazione di infrastrutture fisiche e di infrastrutture di rete, indice di vecchiaia della popolazione, presenza dei servizi essenziali e di attività commerciali, turistiche, agro-silvo-pastorali. 

L'assessore al Turismo Vittoria Poggio, invece, ha presentato alla Commissione la delibera per la "Approvazione dei criteri, requisiti e modalità di candidatura per il riconoscimento dei consorzi di operatori turistici". Dopo la mappatura avviata nel 2022 sono stati individuati alcuni criteri, come per esempio la presenza sul territorio piemontese del Consorzio da almeno 5 anni, l’iscrizione al registro delle imprese, la sede legale in Piemonte, essere composto da almeno 50 soci di cui la metà più uno che opera nel comparto ricettivo, avere almeno 1500 posti letto. La proposta di deliberazione, come detto, è stata approvata a maggioranza. 
Infine l'assessore Poggio ha illustrato la proposta di regolamento sulle attività agrituristiche e sull'ospitalità rurale familiare. Anche in questo caso la Commissione si è espressa con un parere favorevole a maggioranza.

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore