/ Confine

Che tempo fa

Cerca nel web

Confine | 18 luglio 2021, 17:30

Locarno, tregua alla clinica Santa Chiara: il pretore nomina un cda transitorio

La soluzione concordata fra le parti ha sbloccato una situazione che ha rischiato di ripercuotersi sui dipendenti

Locarno, tregua alla clinica Santa Chiara: il pretore nomina un cda transitorio

Tregua imposta dal pretore aggiunto di Locarno alla clinica Santa Chiara. Nell’udienza della scorsa settimana, il magistrato, aveva concordato con le parti – la clinica Moncucco e Swiss Medical Network – la nomina di un consiglio d’amministrazione transitorio per gestire la struttura sanitaria fino alla prossima assemblea dei soci, convocata per il 23 luglio.

Lunedì 12, a Lugano nella sede della Moncucco, sono stati scelti i componenti il nuovo cda; Antonio Ventura (fiduciaria Antonini), commissario straordinario come presidente; il direttore generale della Moncucco Christian Camponovo, Donato Cortesi membro del cda della Moncucco e Dino Caucuzza, amministratore delegato di Swiss Medical Network.

La soluzione concordata fra le parti ha sbloccato una situazione che, ad un certo punto, ha rischiato di ripercuotersi sui dipendenti, Una precedente decisione della Pretura di Locarno, infatti, aveva determinato il blocco temporaneo degli stipendi dei dipendenti, in parte – soprattutto nelle figure specialistiche – lavoratori frontalieri. Era accaduto dopo la nomina, da parte dell’assemblea dei soci annullata prima che si tenesse dal vecchio consiglio d’amministrazione e riconvocata per il 23. Il vecchio cda, però, non fu più ritenuto dal pretore legittimato a gestore la struttura perché non rappresentativo del nuovo azionista di maggioranza e non era più in grado di autorizzare il versamento degli stipendi. La situazione s’era poi risolta prima della nomina del cda transitorio ma la struttura non poteva rimanere senza “governo”.


Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore