/ Verbano

Che tempo fa

Cerca nel web

Verbano | 17 giugno 2021, 12:00

Critiche all’assessore che dice no al libro della Meloni nelle scuole

Sulla polemica in atto a Verbania abbiamo ascoltato il parere degli studenti

Critiche all’assessore che dice no al libro della Meloni nelle scuole

Bufera mediatica su Riccardo Brezza. È giusto o no che l’assessore alla Cultura di Verbania (nella foto) abbia detto no - è notizia dei giorni scorsi -  alla proposta del gruppo giovani di Fratelli d’Italia di distribuire nelle biblioteche delle scuole superiori cittadine copie del recente libro di Giorgia Meloni 'Io sono Giorgia'?

Abbiamo posto il quesito a ragazzi e ragazze del territorio, nel tentativo di offrire un contributo al dibattito culturale in atto.

Il rifiuto di Brezza ha il sapore della censura d'altri tempi - commenta Lorenzo, studente del liceo Classico - a me il libro della Meloni non interesserebbe, trovo però che sia antistorico aver assunto questa posizione: un conto è se lo fai al bar con gli amici, diverso è se rappresenti un’istituzione qual è l’amministrazione comunale. Direi proprio che Brezza ha fatto un autogol”.

Stupisce che Brezza sia giovane e abbia idee già così vecchie - fa eco Francesca, sempre del Bonaventura Cavalieri -: cosa gli importa se un libro, di destra o di sinistra che sia, c’è o non c’è tra le mura delle biblioteche scolastiche? Tanto poi siamo noi a scegliere se leggerlo o no, se accettare il regalo o meno. A guidarci sono gli insegnanti, non i politici”.

Non c’è nulla di più lontano da me dal pensiero di Fratelli d’Italia - dice Bianca - ma sono convinta che la reazione di Brezza sia sbagliata e frutto probabilmente della sua giovane età. Censurare non serve proprio a nulla, men che meno farlo quando di mezzo ci sono i libri”.

Brezza - ci dice Mara dell'istituto Cobianchi di Intra - teme che leggere il libro della Meloni possa orientarmi politicamente? Lo dico con rispetto del suo ruolo: è una sciocchezza che offende la mia e nostra intelligenza”.

Al posto di Brezza avrei detto le stesse cose e le avrei dette proprio in qualità di assessore”, così, a chiudere la carrellata di VcoNews, Greta, di 20 anni.

Dal canto nostro, vale sottolineare che abbiamo scelto giovani a caso e che il giornale, come ovvio, non ha preso e non prende sulla vicenda una posizione politica, né tanto meno sostiene la richiesta di dimissione indirizzata all’assessore Brezza da parte del capogruppo di FdI Damiano Colombo.

In linea di principio, e indipendentemente dal giudizio che ognuno di noi può avere della leader di Fratelli d’Italia, leggere un libro che racconta l'ultimo ventennio di storia politica italiana vista con gli occhi della Meloni, non pare essere al cronista che scrive questo articolo un’idea così scellerata.

Al netto della provocazione di FdI, un cui Brezza pare essere caduto (trovando comunque un po’ di notorietà visto che è stato intervistato, solo per fare un esempio, da Radio Capital), il dibattito ha avuto ed ha quanto meno il merito di far parlare una volta tanto di libri. Brezza, però, non la pensa così e ha dichiarato che trova “scorretto strumentalizzare la scuola pubblica per fini politici di parte”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore