/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 17 settembre 2022, 10:55

Cocconato d’Asti diventa “Comune Amis” di Gite Fuori Porta in Piemonte

Dopo Magliano Alfieri, anche Cocconato d’Asti ha aderito all’iniziativa “Comune Amis”.

Cocconato d’Asti diventa “Comune Amis” di Gite Fuori Porta in Piemonte

L’iniziativa è un progetto di Gite fuori porta in Piemonte, una grande community in continua crescita, che coinvolge quasi 120.000 iscritti sull’omonimo gruppo Facebook (https://www.facebook.com/groups/gitefuoriportainpiemonte) e molti altri utenti su tutti i canali social e sul portale.

L’obiettivo principale di “Comune Amis” è offrire ai Comuni piemontesi, l’interessante opportunità di far conoscere proposte turistiche, idee e progetti, attraverso l’uso consapevole e responsabile del digitale, sfruttando la visibilità del web, le enormi potenzialità della tecnologia e, soprattutto, il successo ottenuto dal progetto Gite Fuori Porta in Piemonte.

Ad oggi, sono molti i Comuni che hanno dimostrato interesse per l’iniziativa “Comune Amis” per promuovere, sostenere e sviluppare il turismo di prossimità sul proprio territorio e quotidianamente nascono nuove sinergie, progetti, collaborazioni e spunti di lavoro coinvolgenti e stimolanti, che garantiscono la crescita e lo sviluppo delle economie locali e delle realtà territoriali, artistiche, culturali ed enogastronomiche.

Gite fuori porta in Piemonte: una grande community di persone, che amano il proprio territorio

Navigando sul web, è facilissimo trovare professionisti, travel blogger o semplici viaggiatori, che promuovono blog personali, siti specializzati, forum e portali di offerte turistiche, dove trovare informazioni di ogni genere, dai consigli su dove e cosa visitare alla possibilità di prenotare soggiorni ed esperienze. Spesso si tratta di contenitori d’informazioni, poco interattivi, dove si raccontano o propongono esperienze, senza tenere in grande considerazione i punti di vista, le opinioni e le scelte degli utenti.

Il vero punto di forza di Gite Fuori Porta in Piemonte è la capacità di mettere in relazione le persone in modo attivo, rendendole partecipi e protagoniste del progetto, grazie alla condivisione semplice e naturale delle proprie gite, peculiarità territoriali e iniziative turistiche a poca distanza da casa.

Ogni giorno sono centinaia le persone che scambiano idee e consigli in tempo reale sui diversi canali social di Gite Fuori Porta in Piemonte, ormai diventati un punto d’incontro, d’informazione e d’attrazione, a cui si affianca un portale ricco di eventi, notizie, gite organizzate e informazioni provenienti da professionisti del settore, uffici turistici ed enti pubblici e privati.

Grazie a “Comune Amis”, i comuni e le amministrazioni possono trovare uno spazio interattivo e vicino alle esigenze di turisti e cittadini, dove sviluppare la propria presenza sul web e promuovere le diverse sfumature dell’offerta turistica sul territorio, affiancati dall’esperienza di una realtà consolidata e di successo, come Gite Fuori Porta in Piemonte.

Cocconato d’Asti, “Comune Amis” di Gite Fuori Porta in Piemonte
Cocconato d’Asti, uno dei borghi più belli e affascinanti d’Italia e del Piemonte, si stende sulla sommità di una ripida collina, da cui deriverebbe il toponimo, e domina il Monferrato in un punto particolarmente panoramico e suggestivo. Un gioiello architettonico di straordinaria bellezza, apprezzato a livello internazionale e meta ideale per una gita fuori porta alla scoperta dei suoi panorami e dei suoi scorci più incantevoli.

Grazie alla sua posizione geografica privilegiata, Cocconato d’Asti può godere di un clima mite tutto l’anno, che favorisce la crescita di piante tipicamente mediterranee, come gli ulivi, le mimose e le palme, che sembrano in contrasto con le vie strette e in salita del centro storico, caratteristiche di un paesino di montagna.

Questo splendido borgo dalla storia millenaria è immerso in un territorio dolcemente ondulato, entrato a far parte della Lista dei beni patrimonio UNESCO nel 2014 per le sue colline ricoperte di prestigiosi vigneti che si stendono a perdita d’occhio e per gli antichi borghi, ma soprattutto per il suo paesaggio, punteggiato di meraviglie architettoniche e testimonianze storiche dell’antica tradizione enologica piemontese.

Il centro storico di Cocconato d’Asti: uno scrigno di storia, arte e prelibatezze enogastronomiche

Appena arrivati in paese, non si può non notare l’imponente profilo della Chiesa dedicata a Santa Maria della Consolazione che si staglia sulla parte più alta del paese e la poderosa torre che supera in altezza i tetti delle case.

La Chiesa risale alla seconda metà del XVII secolo e nel corso del tempo ha subito diverse modifiche e numerosi ampliamenti, fino a raggiungere l’aspetto attuale, mentre la torre è l’emblema del borgo e apparteneva ad un antico castello, completamente distrutto nel 1556 dagli eserciti francesi. La struttura attuale è un rifacimento ottocentesco dell’antico torrione, distrutto e ricostruito per essere utilizzato come mulino a vento, che ben presto perse la sua funzione e le sue pale, a causa della scarsità di correnti d’aria, fondamentali per il suo funzionamento.

A poca distanza, si trovano anche la Chiesa barocca di Santa Caterina, edificata nel 1747, e la Chiesa della SS. Trinità del 1617, situata accanto all’antica porta d’accesso al borgo e costruita per onorare il voto fatto dalla popolazione contro la peste, che colpì il piccolo centro abitato in quel periodo storico.

Oltre agli edifici religiosi, tra i palazzi del centro storico spiccano il quattrocentesco Palazzo Comunale, in stile gotico, e Palazzo Martelletti, una residenza nobiliare del XVIII secolo, dove è stata ritrovata l’antica ricetta del vino vermouth, prodotto ancora oggi nelle cantine del borgo.

Una delle vie più suggestive del paese è sicuramente Via Roma, dove è possibile ammirare bellissimi portoni in legno scolpito e tantissimi balconi in ferro e ghisa, ma se ci si vuole davvero immergere nella vita di Cocconato d’Asti, il luogo ideale è Piazza Cavour, con i suoi caffè, ristoranti e gastronomie.

Eventi, ricorrenze e prodotti tipici da non perdere a Cocconato d’Asti

Settembre e ottobre sono i mesi più ricchi di eventi a Cocconato d’Asti.

La quarta domenica del mese di settembre di ogni anno si tiene il tradizionale Palio degli Asini, preceduto da eventi e rievocazioni dell’antica storia medievale del borgo, tra cui l’incendio divampato nel Castello, che gli abitanti riuscirono a spegnere, caricando le botti piene d’acqua sugli asini. In questa occasione, l’intero borgo si trasforma e si respira una magica atmosfera tra artigiani, musici, mangiafuoco e tantissimi figuranti.


A settembre si tiene anche la manifestazione enoturistica CoccoWine, durante la quale produttori locali propongono degustazioni di vini tipici della zona come il Barbera di Cocconato, il Verdicchio e il Sangiovese.

Nel mese di ottobre, ha invece luogo “La festa della Soma d’aj”, un piatto povero della tradizione, costituito da pane, aglio e sale, da accompagnare con l’uva.

Tra i prodotti tipici sono sicuramente da segnalare la robiola, i gustosi formaggi locali, protagonisti di CoccoCheese a metà maggio, e i salami di Cocconato, specialità apprezzate in tutta Italia, oltre al riso e gallina, solitamente preparato nei giorni di festa.

Fai parte di un’amministrazione comunale e vuoi proporre il tuo comune per l’iniziativa “Comune Amis”? Contatta Gite Fuori Porta In Piemonte e proponi la tua candidatura per entrare a far parte del circuito “Comune Amis”, sapremo valorizzare le iniziative turistiche e culturali del tuo comune e promuovere le bellezze del tuo territorio. Per informazioni, visita il portale https://www.gitefuoriportainpiemonte.it/.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore