/ Cronaca

Cronaca | 10 novembre 2021, 16:20

Proseguono anche con i cani molecolari le ricerche di Sebastiano Bianchi

L'auto del giocatore di basket verbanese è stata trovata aperta nel parcheggio fronte lago nei pressi di Villa Taranto. Il fratello: “Ha incontrato una persona prima di sparire”

Proseguono anche con i cani molecolari le ricerche di Sebastiano Bianchi

Sono arrivati anche i cani molecolari per risolvere il mistero della sparizione di Sebastiano Bianchi, il 29 enne verbanese di cui si sono perse le tracce da lunedì sera. Davanti a Villa Taranto le ricerche sono riprese in mattinata e stanno proseguendo anche in questi minuti: presenti i vigili del fuoco, la squadra nautica della polizia ed i sommozzatori.

L'auto del cestista nato a Omegna, attualmente in forza ai Legnano Knights in serie B dopo le esperienze a Sangiorgese, Cento, Paffoni, Tortona e Urania Milano, è stata trovata aperta con gli effetti personali a bordo nel parcheggio fronte lago. Si teme il peggio, anche se gli amici e la famiglia sperano in un colpo di teatro.

A Verbania sono arrivate nelle ultime ore troupe e giornalisti  di diverse televisioni e testate nazionali, anche per raccogliere l'appello lanciato sui social dal fratello di Sebastiano, Mattia. "La cosa più probabile è che mio fratello -ha scritto su Facebook- abbia deciso di togliersi la vita, magari buttandosi nel lago Maggiore, senza però lasciare alcuna traccia. Appena prima di compiere quel gesto, o comunque di dileguarsi nel nulla, sappiamo che è stato con una persona che è arrivata con la sua macchina proprio dove Seba ha abbandonato la sua. Io non so se questa persona abbia materialmente aiutato mio fratello, non importa. Vorrei solo dirle, per favore, se è un essere umano, di mettersi in contatto con me per fornire alla mia famiglia qualsiasi informazione utile al ritrovamento del corpo. Forse non io, ma mio padre e mia madre, che sono stati per entrambi i migliori genitori possibili, se lo meriterebbero". Le immagini delle telecamere di videosorveglianza non sono riuscite a definire modello e targa dell'auto affiancata a quella di Sebastiano Bianchi: se fosse avvenuto forse il giallo sarebbe già stato risolto.


Daniele Piovera

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore