/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 20 luglio 2021, 18:00

Due anni si sorveglianza speciale per un verbanese

È a carico di un noto pregiudicato di 35 anni, responsabile di atti persecutori nei confronti della ex compagna

Due anni si sorveglianza speciale per un verbanese

Su proposta del Questore del VCO, l'8 luglio scorso il Tribunale di Torino- Sezione Misure di Prevenzione ha emesso un decreto applicativo della misura della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza per 2 anni a carico di un noto pregiudicato verbanese di 35 anni.

Il giovane, dal carattere collerico e violento, si è reso responsabile , nel novembre dello scorso anno, di atti persecutori nei confronti della sua ex compagna, per i quali lo stesso è tuttora sotto processo a Verbania.

Il Tribunale di Torino, accogliendo la proposta del Questore del VCO, ne ha riconosciuto la pericolosità e pertanto ha stabilito che il giovane per la durata di due anni sarà obbligato a non allontanarsi dalla sua dimora senza dare avviso alla Questura, dovrà rincasare la sera entro le 21 e non uscire prima delle 07 del mattino, non dovrà frequentare persone colpite da condanne o sottoposte a misure di sicurezza o prevenzione, dovrà dedicarsi alla ricerca di un'occupazione lavorativa e non potrà accedere agli esercizi pubblici tra le ore 18 e le 21. Ha inoltre prescritto al sorvegliato di iniziare un percorso di sostegno psicologico volto a comprendere il disvalore sociale delle sue azioni e soprattutto non avvicinarsi alla ex convivente a meno di un chilometro di distanza, anche se dovesse incontrala casualmente.

La finalità della sorveglianza speciale è quella di obbligare il soggetto a reinserirsi nella società, rispettando le regole di civile convivenza e vivendo nel rispetto della legalità.


Dall'inizio dell'anno sono 3 le proposte di sorveglianza formulate dal Questore per altrettanti pregiudicati locali che sono state accolte dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Torino.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore