Eventi - 23 aprile 2024, 19:10

Con "Sì (forse) lo voglio" inizia la raccolta fondi per Camp.Edu

Il 27 aprile va in scena a Cannobio lo spettacolo di Arcademia, il cui ricavato sarà devoluto al campo estivo per bambini e ragazzi autistici

Con "Sì (forse) lo voglio" inizia la raccolta fondi per Camp.Edu

Servono 35mila euro per Camp.Edu, i centri estivi per minori autistici in calendario dal 10 giugno al 2 agosto. Soldi che i Consorzi intercomunali servizi sociali intendono far pagare il meno possibile alle famiglie. Sabato 27 aprile, al Nuovo Teatro di Cannobio, parte la raccolta fondi con “L’Arcademia dello Spettacolo” in “Sì (Forse) lo voglio”. Alla presentazione dell’evento, questa mattina nella sede del consorzio del Verbano a Pallanza, il vicesindaco Marinella Franzetti ha ricordato: “Camp.Edu è stato il primo progetto avviato ormai 10 anni fa appena entrata in giunta a Verbania, grazie all’insistenza dell’allora presidente Angsa Michele Ricci, che mi ha messo al corrente delle urgenze dei giovani affetti da spettro autistico e delle loro famiglie”.

“Eravamo partiti – aggiunge Antonio Attinà, vicedirettore del consorzio – con 2-3000 euro a fronte di un costo che, già allora, si aggirava fra i 23-25mila euro. Non ce l’avremmo mai fatta senza il supporto di enti come la Fondazione comunitaria e le associazioni del territorio, sempre generose”. Associazioni come il Kiwanis club, rappresentato stamattina dal presidente, Mattia Tacchini: “I presidenti del nostro service passano, ma il supporto a Camp.Edu è una costante che ogni presidente eredita da chi c’era prima e passa a chi ci sarà dopo”.

“Fondazione comunitaria - precisa la vicepresidente Federica Corda – è da sempre partner del progetto, grazie anche alla particolare sensibilità del componente il cda Paolo Ricci (figlio di Michele, primo presidente Angsa e fratello di un autistico, ndr)”.

“Per noi familiari di ragazzi autistici – interviene Sonia Dell’Oro – Camp.Edu è un supporto indispensabile dopo la fine dell’anno scolastico”. A gestire Camp.Edu è la cooperativa Xenia che si avvale del supporto degli specialisti dell’istituto Sacra Famiglia. I posti disponibili sono 20, con una turnazione giornaliera di 6.

“Quello di Cannobio – rivela Augusto Quaretta – non è il solo spettacolo benefico a favore di Angsa. A Camp.Edu devolveremo anche l’incasso del nostro appuntamento fisso “Marta fiore di maggio”, il 9 del prossimo mese. Il 9 maggio non è il giorno della morte (in un incidente stradale, ndr) ma quello del suo compleanno. D’accordo con la famiglia devolviamo ogni anno l’incasso in beneficenze, un modo di farla vivere insieme a noi”.

La commedia in scena a Cannobio parla di una ex classe di liceali che si ritrova per una verifica sull’esame di maturità per verificarne la regolarità dopo la scoperta che uno di loro ha imbrogliato per iscriversi all’università. Per la prevendita contattare il numero di telefonia cellulare 340/1704912, alla segreteria di “Arcademia (0323/883535) oppure al Consorzio servizi sociali del Verbano. I biglietti sono acquistabili on line su www.evients.com.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
SU