Territorio - 20 aprile 2024, 19:00

Italia Nostra Vco scende in campo per la difesa dei beni più sensibili di Verbania

I contributi dell’Associazione nel progetto tecnico definitivo della variante generale al piano regolatore

Italia Nostra Vco scende in campo per la difesa dei beni più sensibili di Verbania

Italia Nostra Vco è scesa in campo nel tentativo di fissare dei paletti pro ambiente che riguardano il futuro di Verbania. Il tavolo di lavoro è quello inerente le osservazioni e i contributi legati al progetto tecnico definitivo della variante generale al piano regolatore cittadino. In questi giorni Piero Vallenzasca, presidente dell’associazione a livello provinciale, ha espresso i propri timori dal portale di In. “Pur col fiato un po' corto – si legge sul web – anche questa volta abbiamo chiuso in tempo utile il nuovo documento. Non sappiamo quale corso prenderà questa variante, dopo il prossimo rinnovamento elettorale – prosegue –: non aspettiamoci, comunque, niente di rivoluzionario, ma noi non  dovevamo perdere questa nuova occasione per ribadire le valutazioni e le convinzioni dell'Associazione su quella che sarà la Verbania del futuro. Italia Nostra chiede attenzione ed appresta, si legge sul sito internet, “la linea di difesa dei beni più sensibili, quali il Piano Grande, le grandi aree delle ville in abbandono (Poss) o gli ex alberghi cadenti (Eden) e la fascia pedecollinare (Monte Rosso)”.

“Sono i temi che costituiscono la cifra del nostro operare e la ragione del nostro esistere. E’ un piccolo contributo – scrive Vallenzasca – che con solo tanta fatica potrà trovare spazio di ascolto all’interno dei decisori politici e dell’apparato tecnico che li sopporta, ma lo mettiamo qui a disposizione per la lettura di tutti i volenterosi che vorranno seguire il percorso che il nuovo progetto del disegno della città prenderà e quale momento – conclude – di partecipazione pubblica a quel processo”.

Alessandro Garavaldi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
SU