Quantcast

Due camere a pressione variabile finanziate dalla comunità buddista

Sono operative dal 30 novembre per far fronte alla seconda ondata pandemica; la donazione è stata formalizzata solo questa mattina

Generica

Un impianto a pressione variabile col quale sono state attrezzate due camere all’ospedale Castelli in memoria del Lama Gangchen Rinpoche, fondatore e padre spirituale della comunità buddista di Albagnano Bée. Sono operative dal 30 novembre per far fronte alla seconda ondata della pandemia da Covid 19. Ma la donazione è stata formalizzata solo questa mattina nel cortile dell’ospedale di Verbania.

Galleria fotografica

Due camere a pressione variabile finanziate dalla comunita’ buddista 4 di 4

“Consentono di trattare al meglio pazienti con malattie infettive o immunodepressi – ha spiegato il primario, dottor Vincenzo Mondino -. Tanto per fare un esempio, se capitasse un paziente affetto da Ebola saremmo in grado di assisterlo”.

“È stata la nostra guida spirituale Lama Gangchen quand’era ricoverato perché affetto da Covid 19 a stimolarci -ha ricordato il successore, Lama Michel-. Appena mi è stato concesso di visitarlo m’ha detto che bisognava mostrare gratitudine al territorio che ci ha accolto, ha consentito alla nostra comunità di costituirsi e operare. Quando gli ho detto che avevamo raccolto 15 mila euro per l’attrezzatura donata nei mesi scorsi, mi ha detto ’15 mila euro non bastano, occorre arrivare a 100 mila’. Ho fatto presente che stavamo costruendo il tempio e lui mi ha risposto ‘che i lavori del nostro templi aspettino, la priorità è l’ospedale’. Così ci siamo messi in moto e con l’aiuto del territorio siamo riusciti a realizzare ciò che la nostra guida spirituale ci aveva esortato a fare”. Alla raccolta fondi hanno concorso la Fondazione comunitaria del Vco con 20.000 euro, il Lions club con 5.300. “Ci siamo avvalsi delle professionalità al lavoro per il nostro tempio che hanno messo a disposizione il costo della loro opera che non ci hanno fatto pagare”. Il grosso della cifra, 94.700 euro li ha messi a disposizione la comunità buddista.

A ringraziare a nome del territorio sono stati Mondino, il direttore generale Chiara Serpieri e il sindaco Silvia Marchionini. Al termine, il lama Michel, ha donato delle sciarpe bianche agli interlocutori istituzionali in segno di amicizia.

di info@ossolanews.it
Pubblicato il 12 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Due camere a pressione variabile finanziate dalla comunita’ buddista 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore