Quantcast

Comitato Salute Vco: “Qualcosa si muove”

“Registriamo con favore l’ordine del giorno presentato in consiglio comunale a Verbania da parte del gruppo di minoranza”

ospedale castelli vb6104

Da mesi si batte sullo stesso chiodo, finalmente qualcosa si muove. Registriamo con favore l’ordine del giorno presentato in Consiglio comunale a Verbania da parte del gruppo di minoranza a cui speriamo possano aderire, pure con gli inevitabili distinguo tutti i consiglieri comunali. È il primo atto concreto in seguito al quale auspichiamo una presa d’atto di altri Consigli comunali del territorio a dimostrare chi la minacciata chiusura del Castelli come ospedale pubblico generalista non riguarda solo Verbania ma un territorio popolato da 100 mila cittadini per i quali il Castelli è un riferimento importante.

In questi mesi abbiamo assistito a tutta una serie di proposte (anche un po’ fantasiose) sulla ristrutturazione ospedaliera del VCO che, secondo i proponenti, dovrebbero risolvere i problemi indotti dalla pandemia. Si dimentica però di considerare che la pandemia ha messo in evidenza quanto una sanità territoriale efficiente può fare in casi come questo. È sotto gli occhi di tutti quanto è successo in Lombardia che negli anni ha smantellato questa importante branca sanitaria e che ha pagato un prezzo enorme in termini di vittime nel 2020. Quindi (come diciamo da sempre), bisogna dare la priorità al territorio, costruendo un sistema sanitario che parta dalle esigenze del cittadino.

L’ospedale è una conseguenza naturale a tutto ciò.

Ma torniamo agli ospedali. C’è chi sostiene la necessità di due ospedali generalisti, chi propone di potenziare l’ospedale plurisede attuale e chi, come recita il documento presentato in Consiglio comunale a Verbania ne considera tre, includendo anche il COQ.

La prima opzione non solo è improponibile per questioni di vetustà edilizia e per i costi indotti, ma semplicemente non può avere futuro. Secondo gli standard stabiliti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in nessuno dei due nosocomi si raggiungerebbe una casistica tale da considerarli sicuri. Si può pensare a qualche medico che accetti questa situazione e qualche paziente consapevole dei pericoli sia disposto a correrli? Sarebbe assurdo, no?

La seconda opzione è sorprendente, perché fra l’altro non tiene conto di ciò che la pandemia ha provocato sulla mobilità dei pazienti e, soprattutto sulla efficienza nervosa del personale sanitario coinvolto, ma che con la presenza di una sola struttura avrebbero potuto lavorare meglio e con meno stress.

La terza opzione contenuta nell’ordine del giorno più sopra citato, contiene certamente la richiesta di ripristinare una situazione organizzativa del Castelli (come da tempo noi sosteniamo e promuoviamo), ma non ci trova d’accordo sull’attenzione riservata al COQ.

Il COQ è a tutti gli effetti una clinica privata, pur in presenza di una maggioranza formale pubblica. Non è un ospedale generalista e se lo si vuol far diventare, bisogna investire, far uscire il privato e quindi si ritorna alla prima opzione più sopra illustrata. Nel corso della pandemia, salvo qualche ricovero opportunistico, non ha mai smesso la sua attività programmata, e i due posti di rianimazione supplementari assegnatigli dall’ASL nell’ottobre scorso non si sono potuti attivare semplicemente perché la rianimazione è funzionale all’operatività interna e non è strutturata per operare 24/24 e 7 giorni su 7. Tenuto conto che sono i soldi pubblici, quindi i nostri, a tenerlo in funzione, sarebbe necessario fare qualche riflessione in proposito.

Questa è la realtà con la quale fare i conti e non saranno certo improbabili ampliamenti edilizi decisi in riunioni “carbonare” o ignorare l’esiguità delle risorse finanziarie disponibili, a cambiarla.

Il vertice regionale, anziché barricarsi un uno sdegnoso silenzio, ne prenda atto. Urgono decisioni improcrastinabili ma non per soddisfare le ambizioni politiche di qualche “ras” locale o le manovre occulte di qualche peso… massimo in cerca di un nuovo futuro politico, ma dare corpo ai veri interessi dei cittadini.

Comitato Salute Vco

di
Pubblicato il 12 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore