Quantcast

“Impegno e l’attenzione in caso di inasprimento del contagio nelle RSA”

Il Dipartimento interaziendale per l’emergenza e le malattie infettive ha già elaborato un questionario per la “stratificazione del rischio infettivo”

ANZIANI

Un segno tangibile dell’impegno e dell’attenzione con la quale si stanno affrontando le eventuali criticità derivanti da un inasprimento del Covid-19 che potrebbero presentarsi nelle residenze assistenziali piemontesi: è il positivo commento rilasciato dall’assessore regionale alle Politiche sociali Elena Chiorino dopo un incontro con i vertici della Sanità della Regione.

L’assessore riferisce che, sulla base dell’esperienza maturata dall’Area funzionale Rsa dell’Unità di Crisi durante i mesi di maggiore difficoltà, l’incremento delle attività di monitoraggio, verifica e di controllo delle oltre 800 strutture presenti nel territorio piemontese predisposto dal Dipartimento interaziendale per l’emergenza e le malattie infettive e la buona pratica delle cabine di regia provinciali, confluita nell’Osservatorio permanente sulle Rsa, potranno costituire un punto di partenza importante per la gestione futura dell’infezione.

Concretamente, il Dirmei ha già elaborato un questionario per la “stratificazione del rischio infettivo” somministrato alle residenze per anziani e, in massima parte, ne ha già ottenuto la restituzione. L’analisi dei dati forniti ha permesso di stratificare le strutture su tre livelli e di inviare le risultanze alle Asl territorialmente competenti per predisporre con anticipo le azioni necessarie. In particolare, per quelle Rsa che presentano livello alto, è prevista la realizzazione dei tamponi a tutti gli operatori entro il 21 settembre e l’intensificazione della vigilanza.

Lo stesso Dirmei ha attivato due percorsi formativi per la gestione dell’infezione da Covid-19 nelle Rsa per i soggetti che operano all’interno delle residenze in modalità a distanza. La scadenza è prevista per il 24 settembre. Ad oggi, risultano iscritti ai due corsi, diversificati in base alle competenze delle figure coinvolte, oltre 750 persone.

L’assessore conclude esprimendo un giudizio positivo sulle azioni già avviate, segno tangibile dell’impegno e dell’attenzione con cui la Regione, tramite il Dirmei, sta affrontando il tema, a dimostrazione che ci può dire pronti per affrontare al meglio il futuro.

di
Pubblicato il 16 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore