Quantcast

Misurazione febbre a scuola, il governo impugna l’ordinanza di Cirio

La ministra Azzolina e il ministro Speranza contro il provvedimento fortemente voluto dalla giunta. Il governatore: "Ci difenderemo nelle sedi opportune. Ho agito per la salute dei piemontesi”

termoscanner scuola

Il ministero dell’Istruzione ha impugnato l’ordinanza della Regione Piemonte, al centro delle polemiche nei giorni scorsi e fortemente voluta e difesa dal governatore Alberto Cirio, che obbliga le scuole a verificare la temperatura degli studenti e alle famiglie di certificarla.

La notizia è stata riportata dall’Ansa. Nei giorni scorsi, il ministro Lucia Azzolina aveva definito l’ordinanza “intempestiva e inopportuna”, preannunciando l’intenzione di impugnare il provvedimento.

Oltre che dal ministro Azzolina, secondo quanto si apprende, l’impugnativa è firmata anche dal ministro della Salute, Roberto Speranza. “Se l’ordinanza del Piemonte sarà impugnata ci difenderemo nelle sedi opportune”, aveva detto il governatore Cirio. “Crediamo di essere nel giusto – aveva aggiunto -. Io penso di avere dalla mia la ragione, perché si tratta della tutela della salute dei piemontesi. Questa non è una scelta mia personale, è una decisione condivisa dal mondo medico e scientifico”.

“Con grande sprezzo del ridicolo e nessun senso del rischio, la ministra con delega ai banchi a rotelle si incaponisce contro uno dei pochi provvedimenti di buonsenso assunti in vista di questa tormentata ripresa dell’anno scolastico” commenta il gruppo Lega Salvini. Che prosegue: “Se dopo questa folle decisione assisteremo a un aumento dei contagi nelle classi del Piemonte, sapremo a chi dare la colpa. Lucia Azzolina si imbarca nell’ennesima battaglia di retroguardia di questo governo contro le nostre prerogative regionali. Ma la ministra se ne faccia una ragione: noi non arretreremo di un passo, tanto più quando c’è da garantire la salute pubblica”.

Oggi in aula il provvedimento è stato difeso anche dall’assessore Marco Gabusi. Il consigliere Marco Grimaldi di Luv non ha perso invece l’occasione di lanciare una frecciata al governatore, chiedendogli se era venuto in aula a dare al Consiglio la notizia dell’impugnazione dell’ordinanza da parte del governo.

di info@ossolanews.it
Pubblicato il 15 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore