Smartworking: necessità di un contratto nazionale

SMART WORK

Whitelibra, startup innovativa che mira a promuovere il lavoro digitale in Italia, ha recentemente condotto una ricerca sul gradimento della modalità di smart-working in Italia. Secondo Nicolò Boggian, il fondatore della startup, “Lo smart working è strategico per generare valore economico essendo spesso focalizzato su servizi ad alto contenuto cognitivo, tecnologico e professionale”.

La ricerca, effettuata su un campione di più di 600 lavoratori, ha mostrato che il 75% delle persone che ha lavorato a distanza vorrebbe continuare a farlo anche in futuro. Fra loro c’è però una bassa percentuale di giovani (nati dopo il 1990) i quali affermano di apprezzare maggiormente l’attività di lavoro in presenza.

Per le donne la produttività del lavoro sembra essere significativamente più alta in modalità smart rispetto alle forme di lavoro tradizionale: il 92% del campione dichiara di lavorare molto mentre il 34% ritiene che la produttività sia aumentata notevolmente.Fra gli strumenti di lavoro di lavoro più utilizzati ci sono le piattaforme di video call, le piattaforme di e-learning, ma anche i sistemi di collaboration e i co-working online.

Boggian tuttavia sottolinea che il percorso verso un lavoro più digitale, qualificato e flessibile passa necessariamente attraverso lo studio e la messa in atto di un contratto di lavoro che chiarisca diritti e doveri del lavoratore “smart” e che possa agevolare, anche tramite incentivi collegati, la transizione verso il lavoro smart. La richiesta di un contratto nazionale per il lavoro agile è stata avanzata anche dai sindacati.

di info@ossolanews.it
Pubblicato il 21 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore