Quantcast

L’amministrazione risponde ai consiglieri leghisti: “Scuole sicure e servizi confermati in toto”

L'assessore Franchi: “Continua la collaborazione tra l'amministrazione, le scuole e gli uffici comunali”

Gravellona asilo

Arriva la risposta, da parte dell’amministrazione Morandi, alla interpellanza sui servizi scolastici presentata nelle scorse settimane dai consiglieri leghisti Geraci e Labriola.

“Al rientro a scuola -la spiegazione dell’assessore all’istruzione Cristina Franchi– gli studenti troveranno scuole sicure e la conferma in toto dei servizi erogati in passato. La sintesi finale è arrivata dopo una continua collaborazione tra l’amministrazione, le scuole e gli uffici comunali: gli incontri ed i tavoli tecnici da voi richiamati ci sono stati per tutta l’estate. Per quanto riguarda il distanziamento e gli spazi- specifica l’assessore- non abbiamo il minimo problema né alle medie, né alle elementari e tanto meno alla materna.

La scuola primaria, che ha 305 iscritti, tre edifici con ingressi propri, ha riorganizzato la disposizione delle classi, al fine di usare per le lezioni gli spazi più capienti e riservare ad altre funzioni quelli meno capienti. Per questo nel mese di luglio sono stati fatti interventi sull’impianto di riscaldamento per assicurare la destinazione ad aula di due locali ampi, fino ad oggi destinati ad altri scopi.

La scuola secondaria di primo grado conta 180 iscritti: l’edificio, dotato di spazi idonei ad ospitare, in condizioni normali, più sezioni di quelle ad oggi presenti sulla base della popolazione scolastica, non presenta criticità relativamente agli spazi. Questa scuola, inoltre, è stata originariamente progettata per essere organizzata ‘per blocchi’. Ciò permette agevolmente di distinguere tre aree con proprio ingresso e propria area per la ricreazione (principale, dalle uscite di sicurezza e area palestra).

Per quanto riguarda la Scuola dell’Infanzia Asilo Monumento ai Caduti non sono arrivate richieste di adeguamento degli spazi: l’ingresso avviene in orario flessibile (7.30 – 9.30) e sono state organizzate tre diverse uscite, in modo da non creare assembramenti al termine della giornata.
Per l’asilo nido comunale la ripartenza c’è già stata a fine agosto, nel rispetto delle direttive nazionali: sono state pertanto predisposte due sezioni sistemando gli arredi e gli ambienti nel rispetto delle esigenze di questa fascia d’età. Gli ambienti sono stati strutturati in modo da garantire lo spazio necessario ad ogni gruppo sezione rispettando il rapporto numerico educatore/bambino consigliato 1/5.

Gli operatori attualmente impegnati nel servizio sono complessivamente dieci -precisa la Franchi. Che poi spiega la situazione relativa al servizio mensa. La Sir, appaltatrice del servizio di ristorazione scolastica per Asilo Nido e Istituto Comprensivo è stata incontrata in più occasioni dall’Amministrazione nei mesi di giugno e luglio, al fine di implementare le prescrizioni nazionali nell’organizzazione del servizio già a partire dal Centro Estivo, svoltosi regolarmente dal 15 di giugno. In sintesi, si è deciso di utilizzare i refettori attuali ricorrendo, ove necessario, alla doppia turnazione degli studenti, al fine di garantire i distanziamenti di legge. Tra un turno e l’altro sarà effettuata la sanificazione degli spazi da parte della società fornitrice del servizio. Si è deciso di mantenere il servizio attraverso stoviglie lavabili in melammina (per evitare il ricorso alle stoviglie monouso) e di servire (per Primaria e Medie, poiché all’Infanzia è già la modalità in uso) al tavolo attraverso carrelli, al fine di evitare la postazione self service, per utilizzare correttamente la quale sarebbe necessario rallentare molto il servizio” Chiusura sul servizio di trasporto scolastico. ” Al momento- conclude l’assessore-  gli iscritti al servizio sono 42 (11 sul bus piccolo, che ha 20 posti; 31 sul bus grande, che ne ha 41), pertanto non sussistono ragioni di preoccupazione rispetto ai distanziamenti di legge. I nostri scuolabus sono pertanto occupati in misura inferiore all’80% della capienza massima stabilita dalla legge”.

di
Pubblicato il 14 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore