No agli assembramenti, le discoteche ticinesi costrette alla chiusura

Il Consiglio di stato ticinese prende provvedimenti dopo il ritorno dei contagi da Covid 19

svizzera ticino cantone

Il ritorno dei contagi da Covid 19, e soprattutto il “caso” del “Woodstock” la discoteca di Arbedo nel Bellinzonese affollata da 300 giovani senza mascherina venerdì 26 giugno, hanno indotto il Consiglio di stato a ridurre da 300 a 100 il tetto degli assembramenti. Una decisione che ha costretto il “Vanilla” di Riazzino, locale frequentatissimo anche del “popolo della notte” delle province italiane di confine, a chiudere dopo la serata evento di sabato 27. Avrebbe dovuto riaprire questo fine settimana ma ha rinunciato. Lo stesso ha fatto il Pix di Ascona anche se la capienza del locale, 90 persone, rientra nei limiti posti dal governo cantonale.

Chiuso, ovviamente anche il Woodstock, che ha innescato la decisione del Consiglio di stato. La serata di venerdì della scorsa settimana ha avuto uno strascico. Una giovane recluta, tra gli avventori della serata, è risultata positiva al Covid 19, altri sono finiti in quarantena.

di info@ossolanews.it
Pubblicato il 04 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore