Locarnese, 2 mila posti di lavoro persi per il covid 19

Si tratta di dati riferiti soltanto alla mano d’opera residente, che non includono i frontalieri stagionali

LOCARNO

È di 2 mila disoccupati in più a causa del Covid 19, secondo i dati più aggiornati dell’Ufficio sorveglianza del mercato del lavoro. E si tratta di dati riferiti soltanto alla mano d’opera residente, che non includono i frontalieri stagionali impiegati in alberghi, bar, ristoranti e altre attività legate al turismo.

La pandemia ha rallentato l’edilizia, settore tradizionale d’impiego dei frontalieri del Verbano e dell’Ossola. La Società svizzera impresari e costruttori di Gordola ha registrato un calo del 2 per cento del fatturato dell’intero comparto nelle ultime due settimane di marzo e del 6 per cento degli ordini. A metà aprile il fatturato era sceso del 15% e il 10% della mano d’opera percepiva il salario ridotto. A metà maggio la situazione è migliorata: fatturato in calo del 10% e mano d’opera a salario ridotto scesa al 5%. Secondo le stime dell’associazione imprenditoriale, a fine giugno, il calo del fatturato rispetto all’anno precedente dovrebbe attestarsi attorno al 6,7% con una perdita per le imprese di costruzioni di 5,1 miliardi di franchi in tutta la vicina confederazione.

di info@ossolanews.it
Pubblicato il 27 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore