Uncem: “Se il Piano BUL non si sblocca pronti a supportare i Comuni piemontesi in azioni legali”

“L'ultima novità è arrivata qualche giorno fa da Regione Piemonte e Infratel: otto Comuni esclusi dal Piano”

COMPUTER

“Il Piano nazionale Banda ultralarga non smette di stupirci. In negativo ovviamente” scrive Uncem. “Non solo due anni di ritardo. Non solo la scelta di tagliar fuori le ‘case sparse’, non solo le lungaggini che passano tra progettazioni, avvio dei lavori, fine dei lavori, attivazione. Non solo la ‘fibra a casa’ è da richiedere e le ditte tornano a collegare dopo mesi la casa all’armadio. L’ultima novità è arrivata qualche giorno fa da Regione Piemonte e Infratel: otto Comuni esclusi dal Piano”. “‘Vengono esclusi dal piano i seguenti otto comuni in quanto a seguito indagine puntuale  derivante dalla progettazione si è rivelato che la copertura dei privati nelle aree più  densamente abitate (poste a gara come aree obbligatorie) supera il 95% delle unità  immobiliari in tali aree'”, si legge nella Revisione del Piano Bul. Otto Comuni esclusi. Si tratta di Castelspina,  Molino dei Torti, Argentera, Moiola, Pietraporzio, Sambuco, Bruino,  Susa. “Non ci risulta che le coperture della banda ad Argentera o a Pietraporzio siano particolarmente efficaci, per usare un eufemismo… – sottolineano Marco Bussone e Lido Riba, Presidenti nazionale e regionale di Uncem – Il Piano banda ultralarga è bloccato. E oggi otto Comuni vengono stralciati, con scarne comunicazioni ai Sindaci. Dicendo che essendo già coperti dai privati, in quei Comuni non vi è bisogno dell’intervento con fondi pubblici. Assurdità. Se il Piano BUL non si sblocca, siamo pronti a supportare i Sindaci, tutti i Comuni piemontesi e italiani, in azioni legali. Tre Comuni, solo 3 Comuni collaudati in Piemonte. Numeri non giustificabili”.

di
Pubblicato il 29 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore