/ Sanità

Sanità | 16 giugno 2024, 08:00

Arriva il Fascicolo sanitario elettronico: entro il 2024 attive le funzioni di base

Per la fine dell'anno saranno garantiti quattro servizi fondamentali; entro il 2026 il progetto dovrebbe arrivare a completamento

Arriva il Fascicolo sanitario elettronico: entro il 2024 attive le funzioni di base

È ufficialmente in arrivo il Fascicolo sanitario elettronico (Fse). Si tratta di un importante progetto, pionieristico in Europa, che permetterà ai cittadini italiani di gestire da un solo portale digitale tutto ciò che riguarda la propria situazione sanitaria: dalla prenotazione degli esami al pagamento dei ticket, dal cambio di medico di base alla consultazione dei referti, fino allo storico delle vaccinazioni, delle allergie, degli esami eseguiti e molto altro.

Grazie a questo nuovo servizio i cittadini e gli operatori sanitari avranno quindi facile accesso a tutte le informazioni che possono essere utili, che saranno rese disponibili in qualsiasi momento, in modo da facilitare medici e infermieri nella ricostruzione della storia clinica di ogni paziente.

Il progetto, come ha spiegato il ministro della salute Orazio Schillaci, dovrebbe essere sviluppato completamente entro il 2026. Per la fine del 2024, invece, dovrebbero essere resi disponibili quattro servizi fondamentali: sarà possibile utilizzare la piattaforma, su tutto il territorio nazionale, per la prenotazione di esami e visite, il pagamento dei ticket, la consultazione dei referti e il cambio o scelta del medico di base.

Per usufruire del Fascicolo sanitario elettronico sarà sufficiente accedere alla piattaforma per consultare i propri documenti, mentre per i medici sarà possibile visualizzarli una volta che il paziente abbia autorizzato l’accesso, tramite Spid o carta d’identità elettronica.

La Fse sarà dunque uno strumento utile per diversi motivi. Oltre a facilitare l’accesso alle informazioni per pazienti e medici, contribuirà in modo netto alla riduzione della burocrazia e consentirà una maggiore tutela dei dati, che sono protetti e non possono essere condivisi con terzi. Inoltre, ognuno può decidere di oscurare i documenti che vuole mantenere riservati.

l.b.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore