ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 12 maggio 2024, 08:25

Chiarimenti dell'Inps sulle modalità per accedere alla "Opzione Donna"

L'opzione è rivolta a lavoratrici che soddisfano determinati requisiti per accedere alla pensione anticipata

Chiarimenti dell'Inps sulle modalità per accedere alla "Opzione Donna"

L’INPS ha recentemente fornito chiarimenti riguardo l’accesso alla pensione anticipata “Opzione Donna”, in seguito alle modifiche introdotte dalla legge di Bilancio 2024. Questa opzione è rivolta alle lavoratrici che soddisfano determinati requisiti e desiderano accedere alla pensione in anticipo rispetto all’età pensionabile standard.

Ecco i punti chiave delle nuove istruzioni:

Requisiti Generali:

  • Le lavoratrici devono aver maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni.
  • L’età anagrafica deve essere di almeno 61 anni.
  • Le condizioni devono sussistere alla data di presentazione della domanda di pensione e non devono essere oggetto di ulteriore verifica alla prima decorrenza utile del trattamento pensionistico.

Condizioni Specifiche:

  • Le lavoratrici devono trovarsi in una delle seguenti condizioni: a. Assistenza Familiare: Devono assistere, alla data di presentazione della domanda di pensione e da almeno sei mesi, il coniuge, la parte dell’unione civile o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità (art. 3, comma 3, Legge n. 104/1992), o un parente o un affine di secondo grado convivente qualora i genitori, il coniuge o l’unito civilmente della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i settanta anni di età oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti oppure siano deceduti o mancanti. b. Capacità Lavorativa Ridotta: Devono avere una riduzione della capacità lavorativa, accertata dalle competenti Commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile, superiore o uguale al 74%. Questa condizione deve sussistere alla data di presentazione della domanda di pensione.
  • Il requisito anagrafico di 61 anni è ridotto di un anno per ogni figlio nel limite massimo di due anni. Questa riduzione massima si applica anche in assenza di figli per le lavoratrici dipendenti o licenziate da imprese per le quali è attivo un tavolo di confronto per la gestione della crisi aziendale.

Calcolo della Pensione:

  • La pensione anticipata “Opzione Donna” è liquidata secondo le regole di calcolo del sistema contributivo.
  • Le lavoratrici dipendenti e autonome che perfezionano i requisiti richiesti conseguono la pensione dopo: a. Dodici mesi dalla data di maturazione dei requisiti previsti, se il trattamento pensionistico è liquidato a carico delle forme di previdenza dei lavoratori dipendenti. b. Diciotto mesi dalla data di maturazione dei requisiti previsti, se il trattamento è liquidato a carico delle Gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi.

Settore Scuola e AFAM:

  • Per le lavoratrici di questi settori si applicano le disposizioni specifiche previste dalla legge n. 449/1997 (decorrenza primo settembre/primo novembre).

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore