ELEZIONI REGIONALI
 / Scuola

Scuola | 27 marzo 2024, 10:33

Dimensionamento scolastico, il Consiglio regionale approva i criteri a maggioranza

Per il 2024/25 la delibera prevede, tra l’altro, la riduzione di 16 autonomie scolastiche, senza possibilità di deroga

Dimensionamento scolastico, il Consiglio regionale approva i criteri a maggioranza

Il Consiglio ha approvato a maggioranza l’atto di indirizzo e i criteri relativi dimensionamento scolastico e offerta formativa: per il 2024/25 la delibera prevede, tra l’altro, la riduzione di 16 autonomie scolastiche, senza possibilità di deroga come avvenuto invece fino all’annualità 2023/24.

Sul punto sono intervenuti i consiglieri Francesca Frediani (M4o-Up) e Maurizio Marello (Pd), che hanno espresso preoccupazione per il progressivo accorpamento di istituti: “Da qui al 2027 in Piemonte ci sarà il dimensionamento di 29 unità - ha detto Marello -, di questo passo si rischia la desertificazione dei servizi in molte aree del nostro territorio, che è per lo più composto di piccoli comuni”. “Le deroghe avevano finora consentito di salvare una serie di situazioni - ha sottolineato Frediani – con questi criteri avremo mega istituti con grandi difficoltà di gestione”. 

La consigliera M4o ha anche presentato due ordini del giorno collegati, entrambi votati all’unanimità: uno in cui si chiede un’interlocuzione con il governo per valutare se sia possibile rivedere le scelte e i parametri ministeriali per il triennio "per evitare fenomeni di gigantismo scolastico in aree densamente popolate e caratterizzate da fragilità sociale in quelle Regioni, come il Piemonte, caratterizzate dalla presenza di numerose “piccole scuole” in aree montane o marginali", l’altro sulle tempistiche e procedure di reclutamento del personale scolastico 2024/25, in relazione a due diversi concorsi svolti per l’immissione in ruolo.

Via libera dell’Aula anche al piano triennale dei fabbisogni di personale per il 2024-26 dell’Ente per il diritto allo studio universitario (Edisu).

In ambito culturale, sono state approvate le proposte di modifica dello Statuto della fondazione Luigi Firpo, finalizzate ad adeguare la governance a seguito dell’uscita della famiglia Firpo.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore