/ Il punto di Beppe Gandolfo

In Breve

martedì 24 gennaio
martedì 17 gennaio
martedì 10 gennaio
martedì 03 gennaio
martedì 27 dicembre
martedì 20 dicembre
martedì 13 dicembre
martedì 06 dicembre

Il punto di Beppe Gandolfo | 24 gennaio 2023, 08:40

Vino e benzina, l'inganno delle etichette

"Ogni distributore di carburanti, in Italia, avrà l’obbligo di mostrare un cartello con indicato il prezzo medio della benzina, stabilito ogni giorno dal Ministero dell’ Ambiente, accanto al proprio prezzo di vendita". Vino e benzina, l'inganno delle etichette

Vino e benzina, l'inganno delle etichette

“Il consumo di alcol provoca malattie del fegato”. “Alcol e tumori mortali sono direttamente collegati”. Equiparando il vino alle sigarette, l’ Irlanda potrebbe essere il primo Paese in Europa – con l’ assenso di Bruxelles – ad applicare queste diciture sulle etichette delle bevande alcoliche, compreso il vino.

Ogni distributore di carburanti, in Italia, avrà l’obbligo di mostrare un cartello con indicato il prezzo medio della benzina, stabilito ogni giorno dal Ministero dell’ Ambiente, accanto al proprio prezzo di vendita.

Ma siamo matti? Siamo di fronte all’ inganno delle etichette e alla beffa per consumatori e automobilisti.

Fior di scienziati, medici e organizzazioni sulla sanità hanno stabilito che, in giusta e moderata quantità, il vino fa bene alla salute delle persone. Mentre anche solo una sigaretta è dannosa, un bicchiere di rosso o di bianco al giorno può portare benefici al cuore e al cervello, diminuendo il rischio di attacco cardiaco e di ictus. E invece l’ Europa – anziché occuparsi di cose ben più serie – dà il via libera a queste etichette allarmistiche. Poi arriveranno anche le foto terroristiche che già appaiono sui pacchetti dei tabacchi? Intanto nel mondo vitivinicolo cresce la preoccupazione per i danni al settore che potrebbero derivare da queste comunicazioni errate. Se anche altri Paesi UE seguiranno l’esempio dell’ Irlanda ci sarà, inevitabilmente, un calo nelle esportazioni dei nostri pregiati vini. Non è certamente questa la strada giusta per educare ad un consumo consapevole di alcol.

E passiamo alla benzina. Altra beffa, altro inganno. Cosa può fare l’ automobilista di fronte ad una evidente differenza di prezzo al litro fra il costo indicato dalla stazione di servizio e quello medio stabilito dal governo? Può chiedere lo sconto? Nel 70 per cento delle stazioni di servizio italiane il prezzo è deciso – da remoto – direttamente dalle compagnie petrolifere. Il gestore non può intervenire. Quindi l’ indicazione del prezzo medio è quantomeno inutile.

Insomma, davvero etichette e cartelli che sono una beffa oltre che un inganno.

Beppe Gandolfo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore