/ Cronaca

Cronaca | 15 novembre 2022, 13:09

La mamma della ragazza investita da Lana chiama il sindaco Pizzi che informa subito i Carabinieri

"Non avrei mai immaginato di dover sentire perorare la causa del Presidente Lana, dipinto come un santo, proprio dalla stessa persona che lo ha rincorso pubblicamente raccontando con drammatica dovizia di dettagli l'incidente"

La mamma della ragazza investita da Lana chiama il sindaco Pizzi che informa subito i Carabinieri

"Nei giorni scorsi mi è accaduto qualcosa di davvero bizzarro". Inizia così il comunicato stampa del sindaco Lucio Pizzi. Il primo cittadino racconta di essere stato contattato dalla mamma della giovane investita e non soccorsa dal presidente della Provincia Alessandro Lana. La mamma della giovane ha chiesto a Pizzi di non parlare più della vicenda. 

"La sindrome di Stoccolma?

Nei giorni scorsi mi è accaduto qualcosa di davvero bizzarro.

La signora che ha reso pubblico l’investimento della figlia da parte di un automobilista che non si era fermato a soccorrerla, rivelatosi poi essere il Presidente della Provincia Alessandro Lana, mi ha contattato.

Fin dall’inizio della vicenda non mi sono interessato agli sviluppi giuridici né tra le parti private, che sono libere di concordare tutti i risarcimenti che vogliono, né in termini penalistici, che sono di competenza degli organi deputati, mentre mi importano i risvolti etici, morali e politici essendo il Presidente Lana un personaggio pubblico, tra l’altro eletto da noi amministratori.

Non nascondo quindi il mio stupore per la surreale telefonata intercorsa con la signora in questione, i cui contenuti nel dettaglio ovviamente non rivelerò.

Posso però informare che, data la stranezza della conversazione e in considerazione del fatto che nella stessa sono emerse circostanze che potrebbero essere di interesse delle autorità competenti, ho ritenuto, anche a tutela dei miei diritti, di informare in maniera comprovata e documentata i Carabinieri della Stazione di Domodossola.

Non avrei mai immaginato di dover sentire perorare la causa del Presidente Lana, dipinto come un santo, proprio dalla stessa persona che lo ha rincorso pubblicamente raccontando con drammatica dovizia di dettagli l’incidente, persona che ha anche provato a convincermi a non parlarne più, spingendosi quasi ad un ribaltamento delle responsabilità e a raffigurarmi come il cattivo della vicenda: semplicemente ridicolo.

A mio parere chi non si ferma dopo aver investito qualcuno non merita di ricoprire un’importante carica pubblica, per cui è richiesto almeno il normale senso del dovere civico, e nessuno mi impedirà mai di dirlo".

Lucio Pizzi
Sindaco di Domodossola

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore