/ Attualità

Attualità | 25 settembre 2022, 08:12

Urne aperte fino alle 23 per eleggere il nuovo Parlamento

Seggi aperti, dalle 7 alle 23, con l’incognita astensionismo. Per la prima volta i 18enni voteranno per il Senato

Urne aperte fino alle 23 per eleggere il nuovo Parlamento

Urne aperte oggi dalle 7 alle 23. Si tratta delle prime elezioni che eleggeranno un Parlamento ridotto nei numeri dalla riforma costituzionale del 2020: si voterà per 400 deputati anziché 630 e per 200 senatori anziché 315.

Un'altra novità è rappresentata dall'abolizione del limite di età minimo per votare al Senato: oggi infatti, tutti gli aventi diritto con 18 anni di età potranno votare oltre che per la Camera dei Deputati anche per scegliere coloro che dovranno sedere al Senato. Per tale voto, in passato, bisognava attendere di aver compiuto il 25esimo anno di età.

In tutta Italia gli elettori sono 50.869.304, di cui 4.741.790 all’estero, in cui sono compresi anche i diciottenni. 

Quando si vota

Si può votare quindi sino alle 23 nel proprio comune di residenza. Chi si dovesse trovare già nel seggio allo scoccare dell’orario di chiusura sarà comunque ammesso al voto.

I documenti necessari

La tessera elettorale (che dovrà avere almeno uno spazio per il timbro del voto) oltre ad un documento di identità recante una fotografia. Nel caso in cui si abbia una carta d’identità scaduta è comunque possibile votare, purché la foto presente sul documento permetta il riconoscimento dell’elettore. Se, invece, si è in possesso di una tessera elettorale scaduta, deteriorata o piena sarà possibile rinnovarla recandosi presso l’anagrafe del proprio comune che sarà aperto e obbligato a rilasciarla durante tutto il lasso temporale utile per il voto (dalle 7 alle 23). Lo stesso vale anche nel caso in cui la tessera elettorale sia stata persa.

Le schede

Rosa per la Camera dei Deputati e gialla per il Senato. Per ogni coalizione o partito, nella parte alta è indicato il nome della candidata o del candidato al collegio uninominale, nella parte bassa la lista dei candidati nei collegi plurinominali con a fianco il simbolo del partito o della lista che li sostiene.

Come votare

solo sul nome della candidata o del candidato al collegio uninominale; in questo caso il voto si estenderà e sarà ripartito anche tra le liste sotto quel nome in proporzione ai voti ottenuti.

Si può anche scegliere di indicare il simbolo di una lista posizionata nei riquadri del proporzionale; il voto sarà automaticamente assegnato anche alla candidata o al candidato del collegio uninominale sostenuto da quella lista.

Si può, inoltre, segnalare la preferenza sia per il candidato all’uninominale sia per la lista o una delle liste che lo sostengono.

È considerato valido il voto anche qualora si faccia una “x” sia sul simbolo sia sulla lista di nomi candidati ai collegi plurinominali. In questo caso il voto viene assegnato anche al candidato dell’uninominale.

Attenzione

Il ‘Rosatellum’ non ammette il voto disgiunto, ciò significa che non è possibile esprimere la propria preferenza per un candidato all’uninominale e per una lista diversa da quelle che lo sostengono. Il voto in questo caso non è valido come non lo è se si esprime la propria preferenza per un candidato specifico di una delle liste al collegio plurinominale scrivendo il nome a fianco. La scheda, inoltre, non è valida se ci si scrive sopra, ci si disegna o si usa una penna o una matita diversa da quella copiativa fornita dai presidenti e gli scrutatori.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore