/ Attualità

Attualità | 03 agosto 2022, 17:08

Siccità: Lago Maggiore ai minimi, consorzio Ticino taglia il deflusso verso i canali

L’analisi dei dati degli ultimi tre mesi è impietosa: dal 1 maggio al 31 luglio il bilancio dell’afflusso e del deflusso delle acque è largamente passivo: il deficit è di oltre 83 milioni 427.000 metri cubi

Siccità: Lago Maggiore ai minimi, consorzio Ticino taglia il deflusso verso i canali

Il Consorzio del Ticino, l’ente autonomo che gestisce le opere di regolazione del livello del Lago Maggiore ha deciso qualche ora fa una drastica riduzione del deflusso delle acque, portandolo da 114 metri cubi al secondo a 60 metri cubi al secondo.

Il Consorzio spiega la decisione mettendo in luce “la situazione odierna del sistema Lago Maggiore/Fiume Ticino, con il livello del lago a -0,33 metri sullo zero idrometrico di Sesto Calende”. Anche l’analisi dei dati degli ultimi tre mesi è impietosa: dal  1 maggio al 31 luglio il bilancio dell’afflusso e del deflusso delle acque è largamente passivo: il deficit è di oltre 83 milioni 427.000 metri cubi , cioè con un livello del lago calato di 39 centimetri.

Il Consorzio Irriguo est Sesia, che gestisce il sistema dei canali della pianura risicola tra novarese e Lomellina, ha comunicato che “considerata l’attuale disponibilità delle rete del Canale Cavour di meno di 10 metri cubi al secondo, si raggiungeranno in tutta la rete irrigua diminuzioni ulteriori della portata, con valori storicamente mai registrati e oggettivamente ancora più ingestibili, con conseguente impossibilità tecnica di garantire la continuità dell’erogazione alla diverse utenze in molti tratti della rete”.

ECV

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore