/ Politica

Politica | 26 gennaio 2022, 18:00

Ansia e depressione da Covid, la proposta del Pd: “Uno psicologo di base territoriale”

Una figura gratuita, per chi non può permettersi un professionista. Valle: “La nostra proposta prevede un finanziamento di 750 mila euro all’anno, per tre anni”

Ansia e depressione da Covid, la proposta del Pd: “Uno psicologo di base territoriale”

Tendere la mano a chi soffre di difficoltà psicologiche perché oggi, in Piemonte, le persone che soffrono di ansia e depressione sono sempre di più a causa della pandemia. E’ partendo da questo contesto, con l’aumento del 40% delle richieste d’aiuto nell’ultimo anno che il gruppo consiliare del Pd ha presentato una proposta di legge per istituire in Piemonte la figura dello Psicologo di Base territoriale.

Il Covid ha aumentato i disturbi psicologici

Ad acuire i problemi, due anni difficili vissuti tra distanziamento sociale, Dad, problemi sanitari. La pandemia ha aumentato i disturbi psicologici, tanto che gli studi condotti dall’Environmental Research and Public Healt e dal Journal of Affective Disorders evidenziano come il 14% degli intervistati assuma ansiolitici o sonniferi, il 10% abbia iniziato a prendere antidepressivi durante la pandemia. Per il 53,8% degli intervistati, il Covid ha avuto ripercussioni sullo stato emotivo, con un aumento del 30% delle richieste d’aiuto, in particolare nella fascia adolescenziale tra gli 11 e i 17 anni.

Chi è lo Psicologo di Base territoriale e chi può accedervi

L’idea, tradotta in una proposta di legge, prevede l’inserimento dello Psicologo di Base territoriale all’interno del Distretto Socio Sanitario, a fianco di medici di famiglia, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali. Il compito? Farsi carico della richiesta di assistenza, garantire supporto psicologico o il reindirizzamento a un professionista specifico. Oltre ad essere una figura gratuita, quindi accessibile anche a chi non avrebbe la disponibilità per rivolgersi a uno psicologo, il professionista potrebbe aiutare a prevenire l'acuirsi di malattie e problemi, facendo risparmiare la Sanità piemontese. L'investimento previsto, come spiegato da Daniele Valle (Pd), sarebbe inizialmente di 750 mila euro all'anno, per tre anni.

Valle: “Dobbiamo dare una risposta ai bisogni dei piemontesi”

“La proposta di legge da me presentata mira proprio a dare una risposta a queste necessità, istituendo la figura dello Psicologo di Base territoriale” spiega il Consigliere regionale del Partito Democratico Daniele Valle, primo firmatario del provvedimento. “Lo Psicologo di Base, che assume in carico la richiesta di assistenza, sviluppa un progetto clinico comprensivo di una dimensione diagnostica e di un programma di supporto psicologico, avvalendosi anche delle strutture pubbliche e private di secondo livello che hanno competenza sul tema individuato” prosegue Valle.

Figura già istituita in Lombardia, Lazio e Campania

La figura di Psicologo di Base territoriale è già stata istituita in Lombardia, Lazio e Campania: "E’ arrivato il momento di riconoscere che questa figura rappresenta un promotore della salute e del benessere fisico, psichico e sociale dell’individuo e che è in grado di incidere notevolmente non solo sul benessere della persona, ma anche, in termini di risparmio, sui costi della Sanità. Data l’importanza del provvedimento chiederemo la procedura d’urgenza per accelerare la discussione del testo affinché possa essere approvato nel più breve tempo possibile” conclude il Presidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale Raffaele Gallo.

 

Redazione Torinoggi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore