/ Cusio

Cusio | 26 maggio 2021, 14:00

Giro d'Italia, a Omegna un'accoglienza sobria per rispetto delle vittime del Mottarone

Dopo la tragedia che ha sconvolto il Vco anche il capoluogo cusiano sceglie un profilo basso

Giro d'Italia, a Omegna un'accoglienza sobria per rispetto delle vittime del Mottarone

Doveva essere una festa di popolo, come sempre quando arriva il Giro. Non sarà così ovviamente dopo la tragedia che ha sconvolto il Vco. Celebrazioni sobrie, niente eccessi e spettacolarizzazioni: anche Omegna sceglie il profilo basso per accogliere la carovana rosa. Le bandierine lungo le vie interessate dal passaggio dei corridori erano già state posizionate domenica, così come due striscioni di benvenuto ed arrivederci. Poi, alla rotonda all'ingresso di Omegna, sul ponte dello Strona, ci saranno due stendardi che raffigurano Filippo Ganna, il fuoriclasse che ha origini cusiane: l'allestimento sarà curato dalle Salite del Vco, insieme alle associazioni Bici In Città e Bici Club Omegna.

Dal punto di vista della viabilità, ci sarà il divieto di sosta dalle 7 alle 17 lungo l'intero tragitto: via Iv Novembre, via De Amicis, via Salati, piazza Salera, Largo Cobianchi, via Garibaldi e via Comoli, dove ci sarà il traguardo volante della tappa. Dalle 12 circolazione vietata: per consentire di raggiungere l'Ospedale Madonna del Popolo, sarà istituito il doppio senso di marcia nel tratto di via Novara compreso tra Lungolago Buozzi e via Mazzini e nel tratto di lungolago Buozzi prospiciente il Coq.



Daniele Piovera

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore