/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 28 febbraio 2021, 13:00

L'alluvione di ottobre non ha compensato la carenza di precipitazioni in Piemonte

In pratica l'anno scorso è stato il 24° meno piovoso negli anni 1958-2020

L'alluvione di ottobre non ha compensato la carenza di precipitazioni in Piemonte

Nonostante la ‘pesante’ alluvione di ottobre scorso, le precipitazioni cumulate nell’anno 2020 in Piemonte sono state pari a 936.1 mm, inferiori alla norma e con un deficit di 50 mm: il 2020 è in pratica il 24° anno meno piovoso nella distribuzione storica degli anni 1958-2020. Lo scrive Arpa Piemonte in un suo rapporto che analizza la situazione del 2020. Arpa scrove che ‘’l’analisi dell’andamento giornaliero annuale  evidenzia il rilevante contributo dato dall’evento alluvionale dei giorni 2-3 ottobre 2020, con il 2 ottobre giorno più piovoso dell’intera serie storica dal 1958 ad oggi con 110.5 mm medi sul territorio piemontese. In quei due giorni è caduta sul territorio regionale circa il 16% della pioggia che cade normalmente in un anno e il 20% in più di quanto si registra abitualmente nel mese di ottobre, che è uno dei mesi più piovosi in Piemonte’’

Un ruolo importante quello  esercitato dal mese di ottobre, il più piovoso dell’anno con 202.3 mm mentre dicembre con 97.2 mm ha avuto la maggiore anomalia positiva del 79%. le zone che nel 2020 hanno ricevuto la maggiore quantità di pioggia annua sono in prevalenza quelle più colpite dall’evento alluvionale del 2-3 ottobre: il Verbano, i settori settentrionali delle province di Vercelli e Biella ed i rilievi delle Alpi Marittime e Liguri.  Elevata la precipitazione anche sull’Appennino alessandrino grazie al temporale autorigenerante del 29 agosto mentre le pianure e le Alpi occidentali hanno avuto precipitazioni inferiori.

Nella mappa con le anomalie annuali di precipitazione rispetto al periodo 1971-2000  i settori con un surplus precipitativo sono limitati alla zona del Lago Maggiore, alle Alpi Marittime e Liguri e all’Appennino alessandrino. Sul resto della regione prevalgono i deficit pluviometrici, in maniera più marcata sulla provincia di Torino.

In contrasto a quanto detto sinora, Arpa rileva che il 2020 è stato il sesto anno più caldo osservato in Piemonte dal 1958, con una temperatura media di circa 10.6° .

Renato Balducci

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore